10 anni di Vanity Fair: “la bellezza è un duro lavoro”

Nella suggestiva cornice dei Chiostri della Fondazione Cini a Venezia, si è svolto, domenica 1 settembre, il party esclusivo per la celebrazione dei primi 10 anni di Vanity Fair Italia, il settimanale Condé Nast nato il 2 ottobre 2003.

Presenti molte personalità del mondo dell’editoria come il chairman della Condé Nast Jonathan Newhouse, il direttore di Vogue Italia, Franca Sozzani e l’immancabile Luca Dini, direttore di Vanity Fair, che ha ricordato: “la bellezza è un duro lavoro”.

Ospiti d’onore l’etoile del Teatro “La Scala“ Roberto Bolle, e James Franco, attore e regista californiano alla Mostra del Cinema di Venezia con la pellicola “Child of God”. Hanno partecipato molti personaggi del jet set italiano ed internazionale tra cui: Eva Riccobono, madrina del Festival, Riccardo Scamarcio, Margherita Buy, Daria Bignardi, Ermanno Scervino, Alberta Ferretti, Ennio Morricone.

Roberto Bolle è stato il protagonista della serata, interprete del cortometraggio diretto da Fabrizio Ferri, dedicato ai 10 anni del settimanale.

Il setting immerso nell’atmosfera “Dolce Vita”, ricreata per l’occasione da Tearose, è stato un modo per fare spazio al Cinema e ricordare Nino Rota, compositore delle musiche per il celeberrimo film di Federico Fellini. Il tutto è stato accompagnato dalle raffinate pietanze dello chef stellato Emanuele Scarello, Jeunes Restaurateur d’Europe.

In questi 10 anni Vanity Fair ha dimostrato la sua natura di settimanale caleidoscopico, in grado di farsi interprete critico del nostro tempo e promotore della cultura a 360°.
Non resta che augurare lunga vita a questa indispensabile “Fiera delle vanità”.

Ricerca personalizzata