Si chiama Il primo marzo compriamo un libro il flash mob promosso dall’associazione culturale Caffeina con lo scopo di motivare il maggior numero di persone ad investire sulla cultura, poiché è dalla sua salvaguardia che il Paese può ripartire.

In un momento storico come quello che stiamo vivendo l’obiettivo è quello di far passare il messaggio secondo cui è attraverso la lettura che può avvenire la crescita tanto dell’individuo quanto della società intera; la promozione del patrimonio culturale diviene un autentico «gesto di civiltà e fiducia», come scrivono gli organizzatori sulla pagina Facebook dell’evento in cui si legge, in italiano e in inglese, l’invito rivolto a tutti gli amanti dei libri: «il primo marzo andiamo tutti in libreria e compriamo un libro perché la cultura è l’unico modo per salvare il nostro Paese. Pensate che segnale enorme vedere tanta gente che tutta insieme va in libreria a comprare un libro!!».

Di seguito il link dell’evento che ha già raccolto più di 77mila conferme di partecipazione, ma il numero è destinato a crescere.

Partecipare è semplice: innanzitutto chi possiede un profilo facebook può andare sulla pagina dell’evento e cliccare su “parteciperò”. Il primo marzo basta poi recarsi in libreria, preferibilmente tra le 16 e le 18, indossando il segno di riconoscimento del flash mob, un nastro bianco sui vestiti e naturalmente comprare almeno un libro. Vi sono anche due hashtag ufficiali, #1MarzoCompraUnLibro e #facciamovincerelacultura, da associare ai propri scatti o status sui social così da promuovere l’iniziativa.

Anche le librerie possono aderire al flash mob, pubblicizzandolo o decidendo di applicare sconti, basta scrivere a info@caffeinacultura.it

Qui invece è possibile invece consultare l’elenco di tutte le librerie d’Italia, indipendenti e non, che hanno già aderito.