Le promesse di Silvio Berlusconi in visita a Lampedusa

La tragica situazione  dell’isola di Lampedusa, non si placa.  Quest’oggi è arrivato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi il quale, salendo sul palco posizionato davanti al municipio, si è cosi espresso: “Entro 48, al massimo 60 ore, a Lampedusa non ci sarà più neanche un immigrato.” Questa la promessa fatta ai residenti dell’Isola che hanno accolto in un bagno di folla il premier, atterrato alle 13 e 30 all’aeroporto di Lampedusa. Al suo fianco, il presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo insime al sindaco Bernardino de Rubeis che ha così aggiunto: “Stiamo lavorando con il governo affinché già dai prossimi giorni qualora dovessero venire intercettate con le motovedette nuove imbarcazioni di immigrati nel canale di Sicilia, vengano bloccate ancora in mare e gli immigrati trasferiti in un altro approdo che non sia Lampedusa, ma la terraferma.

E da lì – ha concluso il sindaco – trasferiti verso altri centri di accoglienza in tutta Italia”.  Berlusconi ha poi continuato il proprio discorso promettendo che le sei imbarcazioni giunte a Lampedusa continueranno a fare il proprio lavoro, insieme alla nave militare San Marco, smistando gli immigrati nei centri di accoglienza dopo esser stati sottoposti alle operazioni di identificazione e al prelievo delle impronte digitali. Inoltre, le emittenti Rai e Mediaset sono state autorizzate alla creazione e alla diffusione di uno spot di rilancio dell’isola di Lampedusa.

Ecco di seguito il video che ritrae il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in visita a Lampedusa.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=FlFyPeA0A1k[/youtube]

Intanto, continuano le critiche all’Europa sul mancato intevento. Tra queste, l’intervento del ministro degli Esteri, Franco Frattini che ha detto: “c’è necessità di un piano straordinario per la distribuzione dei migranti in vista del rimpatrio di chi non ha diritto a restare”. Qualche dichiarazione l’ha rilasciata anche il presidente della Repubblica Napolitano che ha definito la situazione creata a Lampedusa ‘inaccettabile’. Inoltre lo stesso ha voluto appellarsi all’aiuto di tutte le regioni, dichiarando imbarazzante questo spettacolo di incertezza e divisioni. ‘Fora de ball‘, ha voluto invece commentare il Senatur Umberto Bossi che ha poi aggiunto: “Nessuna regione è contenta di prendere i migranti. La prima cosa è portarli dall’isola a casa. Ma queste sono cose che Maroni conosce a menadito…”