SuperBike, presentato il Team Aprilia Racing 2012

E’ stato presentato ieri presso lo Spazio Broletto 13, showroom del Gruppo Piaggio nel cuore di Milano, il Team Aprilia Racing che prenderà parte quest’anno al mondiale SuperBike 2012, presentando così ufficialmente le due moto che, guidate da Max Biaggi ed Eugene Laverty, proveranno a far valere ancora una volta i colori azzuri in SuperBike.

Le due moto saranno lasciate in esposizione per gli appassionati e i più curiosi fino al 16 febbraio, per poi il 26 febbraio partire per Phillip Island, primo appuntamento del campionato WSBK 2012.

All’appuntamento erano anche presenti, e non poteva essere altrimenti, i due piloti, che si sono detti estremamente fiduciosi ed al tempo stesso impazienti per l’inizio di questo nuovo mondiale.

Una leggera maliconia si è poi verificata quando, scoperte le moto, è saltato alla vista il numero #58 scelto da Eugene Laverty, che complice anche la livrea della moto molto simile alla Aprilia-Gilera della classe 250 cc, ha ricordato ai presenti il pilota recentemente scomparso Marco Simoncelli.

Max Biaggi:

“Non importa quante stagioni abbia alle spalle e quanti titoli vinti, all’inizio di una nuova stagione la mia motivazione è sempre al massimo, anzi, se devo dirla tutta, per il 2012 è ancora maggiore, alla luce di quanto ci è successo lo scorso anno. Sento mia questa moto, che ho curato sin dal suo esordio e son certo che abbiamo molto da dire e da vincere, nonostante il livello della competizione che, con i molti cambi di squadra tra i miei avversari, si è ulteriormente alzato. Dovremo lavorare molto e non smettere mai di crescere, ma garantisco che anche quest’anno tutti dovranno fare i conti con noi”.

Eugene Laverty:

“Questa è la mia seconda stagione in Superbike, la prima assieme ad Aprilia, ma già durante i test di Portimao dello scorso autunno ho riscontrato sensazioni molto positive. Sin dai primi giri in sella alla RSV4 il feeling è stato buono ed ho fatto segnare tempi interessanti; inoltre, i ragazzi del Team mi hanno fatto sentire subito parte della famiglia. Il mio intento è quello di collezionare più podi possibile e di portare a casa delle vittorie. Anche se l’obiettivo più importante rimane quello di crescere continuamente ed essere sempre più veloce.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here