Serie B: colpaccio Reggina, Pescara k.o.

Nel recupero della ventiseiesima giornata di Serie B, la Reggina esce dall’Adriatico con il bottino pieno, avendo battuto il Pescara per 2-0.

La squadra di Zeman non riesce a proporre il suo classico gioco, andando in difficoltà contro il 3-5-2 degli amaranto che, soprattutto nel primo tempo, fanno la partita.

E passano meritatamente in vantaggio dopo 25′ con Bonazzoli, il più lesto a raccogliere il pallone dopo la traversa colpita da Freddi. Il bomber mette così a segno il suo terzo gol in campionato, sfiorato pochi secondi prima con una botta su punizione respinta da Anania. Nonostante lo svantaggio, gli abruzzesi continuano a non produrre nulla fino al 42′, quando Insigne si guadagna un pallone al limite ed impegna seriamente Zandrini. Poco prima erano però stati gli ospiti a sfiorare il raddoppio in due circostanze con Barrilà e Viola.
La ripresa si apre con un Pescara più determinato e brillante. In effetti, il match dei biancoazzurri avrebbe potuto svoltare se Immobile non fosse inciampato sul pallone dopo aver superato in dribbling il portiere Zandrini, sbagliando clamorosamente a porta vuota. Errore che costringe la squadra di Zeman ad alzare ulteriormente il baricentro, concedendo spazi enormi a Ragusa, che al 63′ corre da solo fino alla porta ma conclude incredibilmente a lato con il tocco morbido. Il giovane attaccante della Reggina si riscatta appena cinque minuti più tardi, quando batte la trappola del fuorigioco pescarese e segna il 2-0 dopo aver saltato Anania. È il gol che chiude la partita, perché nonostante gli ingressi di Soddimo e Caprari,  il Pescara non riesce più a creare grandi occasioni: tra i padroni di casa si salva il solo Insigne, l’unico capace di andare al tiro e mettere in difficoltà la retroguardia avversaria.

Non basta però. Gli abruzzesi falliscono l’occasione per portarsi al secondo posto e restano invece alle spalle di Sassuolo e Verona. Il risultato è traducibile con un dato statistico evidente: per la prima volta in questo campionato la squadra di Zeman non va in gol. Può essere più contento Gregucci, che trova tre punti importanti su un campo difficilissimo, ottenendo la sua prima vittoria esterna sulla panchina della Reggina, avvicinandosi alla zona play-off, distante adesso 3 punti.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here