James Whittaker: Google pensa solo ai social!

In questi giorni sta facendo discutere una lettera che è stata pubblicata da un certo James Whittaker, ora dipendente di Microsoft ma che in passato ha ricoperto la carica di Engineering Director presso Google. In un lunghissimo post che è stato pubblicato direttamente sul suo blog ospitato nella piattaforma MSDN di Microsoft, l’ingegnere ha per così dire sparato a zero sulla società per cui ha lavorato in passato.

L’accusa principale mossa da James Whittaker nei confronti di Google è in particolare una: Big G non è più una società che punta all’innovazione ma l’unico vero obiettivo è quello di fare soldi e per questo motivo starebbe puntando al settore dei social network dove storicamente non ci sono mai stati buoni riscontri.

Whittaker non ha tutti i torti se pensiamo che i progetti Wave, Buzz e Orkut non hanno mai decollato e ancora oggi Google+ può contare su un numero elevato di utenti ma solo grazie alla modifica delle condizioni di contratto che prevedono l’attivazione di Google+ per tutti gli utenti che si iscrivono ad uno qualsiasi dei servizi offerti da Big G.

In pratica, Google sta cercando di rendere tutto più “social” partendo da Google+ ma passando per Youtube, per Android e da qualche tempo anche dai motori di ricerca.

Google si ostina a puntare sui social network ma secondo Whittaker non lo fa mosso dalle intenzioni di innovare (anche se è grazie a Google+ se oggi Facebook ha introdotto le liste di amici e le videochiamate) ma spinto dalla volontà di guadagnare a tutti i costi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here