Sampdoria, di questo passo la serie A diventa possibile

Mancano poche partite al termine del campionato di Serie B ed ancora i giochi riguardanti la promozione nella massima serie sono del tutto aperti e probabilmente resteranno combattuti fino all’ultima giornata.

La Sampdoria, dopo una stagione molto deludente in cui è rimasta molto lontana dalle prime posizioni, è riuscita negli ultimi tempi a invertire la rotta ed a rimontare la classifica fino ad avvicinarsi concretamente alle squadre che dovrà superare per raggiungere i play off.

Se analizziamo il girone d’andata, annotiamo cinque vittorie, undici pareggi e quattro sconfitte, un ruolino terribile pieno di segni x che è costato ai blucerchiati la fine della speranza di ottenere la promozione diretta.

Poi la svolta, con l’esonero di Atzori e l’arrivo del tecnico Iachini.

Fino ad oggi il ruolino parla di otto vittorie, quattro pareggi e solo due sconfitte, maturate nella difficile trasferta contro il Torino capolista ed il 6 aprile scorso a Crotone. Uno dei cambiamenti rispetto al girone d’andata è sicuramente il fattore Luigi Ferraris, che adesso è diventato il punto di forza di una Samp che ora deve migliorare solo in trasferta. L’ultima sconfitta in casa risale al match con il Varese del 6 Gennaio.

L’altro fattore che dice molto sulla svolta doriana è quello dei gol subiti, nel girone di ritorno infatti sono soltanto 6 i gol presi dalla gara di Padova a quella di sabato scorso in casa contro il Brescia.

Sicuramente il tecnico Iachini ha lavorato molto sulla fase difensiva ed i risultati sono evidenti, meno errori e meno sviste, più attenzione ed il rendimento dei due centrali Daniele Gastaldello e Jonathan Rossini è migliorato notevolmente.

In attacco, la coppia Pozzi Eder sta facendo molto bene così come Pellè quando chiamato in causa. Juan Antonio e Foggia ancora illuminano la scena a sprazzi, come spesso accade ai giocatori talentuosi, ma quando lo fanno sono decisivi.

A centrocampo Obiang è ormai una certezza e sicuramente sarà l’obiettivo di mercato di diversi club durante la prossima estate.

Adesso però è il momento di dare tutto fino alla fine sperando di centrare l’obiettivo, sarebbe il giusto premio per una tifoseria che anche nel periodo più buio non ha mai smesso di accompagnare, tifare, applaudire e incoraggiare la propria squadra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here