MotoGP 2012, ottimismo in casa Ducati, “nei test di Marzo avevamo trovato un buon set-up”

Dopo un inizio tutt’ altro che roseo in Qatar, con le numerose critiche che si sono sviluppate nel dopo gara, per la Ducati è ora tempo di lasciarsi tutto alle spalle e di concentrarsi solo sull’appuntamento in programma per questo fine settimana, ovvero il Gran Premio di Jerez in Spagna.

Da Valentino Rossi e Nicky Hayden è inutile dire che tutti si aspettavano un avvio di stagione più esaltate, dove si sperava che i due piloti Ducati potessero lottare per le posizioni che contano, ma putroppo non è andata così, con Hayden sesto, e Valentino Rossi addirittura decimo.

Nell’appuntamento spagnolo dell’anno scorso, sotto una pioggia sostenuta, il pilota americano giunse sotto la bandiera a scacchi, in terza posizione, mentre Vale si dovette arrendere ad una caduta all’inizio dell’ottavo giro, vanificando così una gran rimonta che lo aveva portato fino in quinta posizione.

La pista di Jerez a me è sempre piaciuta molto – ha commentato Valentino Rossi – e dobbiamo sicuramente provare a far meglio che in Qatar. Nei test di marzo, alla fine dei tre giorni, avevamo trovato un set-up discreto per la GP12 quindi per questa pista abbiamo una base da cui partire per preparare la moto per la gara.
Sarà molto importante lavorare bene nelle prove di venerdì e sabato, cercando soprattutto di mantenere la giusta direzione e sfruttare quello che abbiamo a disposizione al momento
“.

Sono contento di correre a Jerez – queste invece le parole di Nicky Hayden–  in un certo senso, è come essere di nuovo di fronte alla prima gara perché è tutto diverso rispetto al Qatar. Si torna in Europa, con il paddock che si ricrea, la gente che affolla le tribune.
E poi la pista è speciale, per niente facile, con brevi rettilinei e diversi punti di frenate forti. Per fare un buon tempo devi essere molto veloce nelle ultime due curve a destra. Non vedo l’ora. A Jerez abbiamo provato in marzo ma poi c’è stata una gara, abbiamo raccolto altre informazioni e adesso abbiamo un’idea generale sul set-up di base. L’anno scorso il meteo è stato molto variabile, vedremo cosa ci aspetta domenica
“.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here