Giovinco, Destro, Borini: è il mercato delle comproprietà

Con il campionato ormai concluso, tutte le squadre di A e B guardano al futuro per rinforzarsi e costruire gli organici in vista dei ritiri pre-stagionali.
Il mercato è attivo su tutti i fronti, ma sicuramente i primi nodi da sciogliere sono le comproprietà. Sia per una questione temporale (le decisioni devono essere prese entro le 19:00 del 22 giugno) ma anche per decidere sin da subito su chi puntare per l’anno che verrà. I nomi in ballo sono tanti (circa 300 nei due maggiori campionati italiani) ed alcuni sono davvero di primissimo livello.

Come ad esempio Sebastian Giovinco, a metà tra Juventus e Parma e reduce da una grande stagione con i gialloblu. Il presidente Ghirardi potrebbe anche tenerlo un altro anno, ma le prestazioni dell’attaccante hanno acceso su di lui gli interessi di grossi club in tutto il mondo. E nell’attesa di sapere quale siano le intenzioni della Juve, il presidente emiliano ha parlato di una valutazione intorno ai 40 milioni per il suo fuoriclasse, trovando d’accordo anche Claudio Pasqualin, il procuratore di Giovinco, che parla anche di grande interesse verso il suo assistito. Il Barcellona lo ha seguito spesso quest’anno, ma l’agente parla anche di contatti con il Manchester City. Insomma, la Formica Atomica sarà uno degli oggetti del desiderio di questo mercato.

Così come Mattia Destro, fresco di convocazione in Nazionale e con il cartellino diviso a metà tra Genoa e Siena. Il suo futuro potrebbe essere all’Inter, squadra in cui è cresciuto e nella quale tornerebbe per fare la spalla o il vice di Milito: l’incontro tra la dirigenza nerazzurra e i rossoblu è già avvenuto e ci sarebbe un accordo di massima che darebbe l’opzione d’acquisto al club di Moratti. Nella trattativa, i meneghini girerebbero la restante metà del cartellino di Kucka al Genoa più la comproprietà di Samuele Longo, giovane prodotto del vivaio interista.

Il club di Preziosi sarà coinvolto in tantissimi affari, potendo vantare anche la comproprietà di Ciro Immobile (bomber in prestito al Pescara) con la Juventus, ma anche quella di El Shaarawy con il Milan. L’attaccante di origini egiziane sarà riscattato dai rossoneri, che inseriranno nella trattativa anche Merkel, anch’egli a metà tra le due società. E si apre inoltre il discorso per Francesco Acerbi, che Galliani ha puntato per il dopo Nesta, ma che dovrà prima essere riscattato da una tra Genoa e Chievo.

E sembra certo anche il passaggio definitivo di Borini alla Roma: la società giallorossa intenderà acquisirlo interamente dal Parma dopo l’ottima stagione che gli è valsa anche la convocazione nell’Italia di Prandelli.

Altre comproprietà interessanti, ma ancora da risolvere, sono quelle di Giaccherini fra Juventus e Cesena (ma dopo l’ottima stagione in bianconero è scontata la permanenza a Torino), Diamanti (che il Bologna vorrà prelevare dal Brescia) e di Viviano tra Inter e Palermo: i nerazzurri potrebbero riscattarlo per poi girarlo in prestito ad altre società.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here