EICMA 2012 – Vespa 946

Dopo ben oltre diciassette milioni di veicoli sparsi su tutte le strade del mondo Vespa svela il suo futuro richiamandosi direttamente al suo capostipite, il prototipo MP6, primo embrione di Vespa dal quale nacque, nella primavera del 1946, lo scooter più famoso del mondo, icona italiana e insuperabile di stile e creatività.

Il Centro Stile di Pontedera proietta Vespa in una nuova generazione nella quale citazioni e proiezioni, tradizione e innovazione, si fondono senza soluzione di continuità. Vespa 946, nella totale fedeltà all’idea originaria, adotta la soluzione della scocca portante. La struttura, unica nel suo genere, è realizzata in acciaio saldato ma, per la prima volta nella storia di Vespa si impreziosisce di elementi in lega di alluminio. Un corpo unico in acciaio e alluminio che ha anche funzione portante accogliendo e sostenendo il motore, la trasmissione e tutti gli organi meccanici.

Ispirata direttamente a Mp6, il primo prototipo di Vespa del 1946, la 946 rompe decisamente con le forme delle attuali – e fortunate – famiglie di Vespa. Da sempre declinata in “scocca piccola” e “scocca grande” Vespa vede ora nascere un veicolo del tutto nuovo che, pur richiamandosi ai canoni più classici, interrompe la costante evoluzione del design in una sorta di affascinante “ritorno al futuro”.

Vespa 946 distilla e condensa in sé le migliori caratteristiche delle Vespa che nei decenni l’hanno preceduta, intrecciando mirabilmente il meglio delle caratteristiche delle varie famiglie di Vespa. Il reparto sospensioni si distingue per la originalità: il mono ammortizzatore è montato orizzontalmente con sistema progressivo a leveraggi. Il proiettore che è realizzato con tecnologia Full LED. La sella è realizzata in pregevole tessuto preimpermeabilizzato.

Il cuore pulsante è un monocilindrico 125 cc 4 tempi, 3 valvole, raffreddato ad aria e alimentato con iniezione elettronica. Nella ricerca del miglior rapporto tra prestazioni e consumi, la soluzione della distribuzione a 3 valvole è la più efficace, poiché migliora l’aspirazione, aumentando l’efficienza del motore rispetto ai convenzionali motori a 2 valvole. Potenza massima all’albero di 8.5 kW a 8,250 giri/minuto e una coppia massima di 10.7 Nm a 6.500 giri/minuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *