Meteo 25 agosto 2020: le previsioni per la giornata di oggi

Torna il caldo abbraccio dell’anticiclone. Nuovo aumento della pressione con sole prevalente e temperature in aumento. Il meteo per la giornata di oggi 25 agosto 2020.

Una nuova espansione di un anticiclone ibrido, Azzorre/ Africano, riporterà il bel tempo su quasi tutta l’Italia con un nuovo aumento delle temperature. Vediamo nel dettaglio il meteo per la giornata di oggi 25 agosto 2020.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Chanel Totti, scandalo Gente: duro provvedimento per la direttrice

Meteo 25 agosto 2020: i dettagli previsionali

Meteo 25 agosto 2020
Meteo 25 agosto 2020 (Getty Images)

Nord Ovest

Cielo sereno o poco nuvoloso ovunque,  con qualche innocuo annuvolamento sulle Alpi e sulla Liguria al mattino. Temperature in lieve aumento con valori nuovamente prossimi ai 30 gradi. Ventilazione ancora vivace dai quadranti settentrionali. Mar ligure generalmente mosso.

Nord Est

Cielo sereno o poco nuvoloso al mattino su tutto il settore. Nel pomeriggio un po’ di nuvolosità sul settore alpino e pre alpino, ma senza fenomeni di rilievo. Temperature in lieve aumento con valori attorno ai 29/31 gradi in pianura. Ventilazione sostenuta di maestrale e mar adriatico mosso.

Centro

Residua nuvolosità al mattino su Abruzzo e Molise,  sereno altrove. Nel pomeriggio insiste in po’ di nuvolosità sul settore appenninico,  con la possibilità di qualche isolato temporale su basso Lazio. Temperature stazionarie su valori tipici del periodo. Ventilazione moderata da nord
con mari generalmente mossi.

Sud e Isole Maggiori

Nuvole al mattino sulla Puglia,  con occasionali piovaschi sul barese, parzialmente nuvoloso su Basilicata e Calabria,  più soleggiato altrove.
Nel pomeriggio qualche isolato temporale su Basilicata jonica, area intorno al Golfo di Taranto e monti della Calabria. Ventilazione moderata da nord con mari mossi. Temperature in lieve calo, con valori comunque estivi e mediamente compresi tra 30 e 32 gradi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Che fine ha fatto “Mandi Mandi”? Un dolore ingestibile