8 Marzo, Festa della Donna: la mimosa e un abbinamento

La Festa della Donna è un giorno importante e si festeggia ogni anno il giorno 8 Marzo.

L’8 Marzo è il giorno in cui si celebrano i diritti politici, economici, sociali raggiunti con grande fatica dalla donna. Diritti ancora da conquistare per molte donne nel mondo. L’8 Marzo è il giorno in cui si ricorda un tragico evento accaduto nel 1908 a New York. In quell’anno, infatti, le lavoratrici iniziarono a protestare per le pessime condizioni di lavoro nelle fabbriche. In una di queste dove lavoravano le donne, una industria tessile, ci fu un incendio e, durante il terribile accaduto, morirono 129 donne.

In questo giorno, le donne ricevono dei deliziosi bouquet di mimose. Questi fiori divennero, per le femministe italiane, il simbolo della prima festa del 1946, dopo la Seconda Guerra Mondiale. Le mimose furono scelte per il loro colore brillante e lo splendido profumo, ma anche perché fioriscono a Marzo e per questo presenti sugli alberi, disponibili in quel periodo, ed economiche.

In Italia ci sono molte ricette che interpretano questo fiore speciale: una di queste è quella della Torta alla mimosa. La mimosa non è un fiore commestibile, anzi è velenoso, e quindi non può essere un ingrediente della torta mimosa, che invece deve il suo nome al pan di Spagna con la quale viene fatta, e che sbriciolato sulla superficie ricorda i delicati fiori della mimosa. La farcia della torta mimosa è originalmente costituita solo da crema pasticcera e panna montata mischiate: ho scelto tuttavia di proporvi una versione che è stata arricchita dall’ananas, “il cui sapore ben si sposa con la ricca crema che lo avvolge, e si presta a richiamare il giallo della mimosa”.

Ingredienti (da GialloZafferano)
Per il pan di spagna
Farina 75 gr
Fecola di patate 75 gr
Sale 1 pizzico
Uova 6 medie
Vanillina 1 bustina
Zucchero 150 gr

Per la crema pasticcera
Farina 70 gr
Latte fresco 500 ml
Limoni la scorza di 1/2
Uova 6 tuorli
Vaniglia 1 baccello
Zucchero 180 gr

Per la farcia
Ananas sciroppato in scatola da 500 gr (facoltativo)
Panna fresca 500 ml
Zucchero a velo 100 gr

Preparazione
Preparate un pan di Spagna da far cuocere in uno stampo del diametro di cm 24; preparate anche la crema pasticcera mettendo una scorza di limone nel latte che poi toglierete a preparazione finita, quindi lasciate raffreddare le due preparazioni. Tagliate orizzontalmente la parte superiore del pan di Spagna con un coltello dalla lama lunga, in modo da togliere la calotta dorata. Con l’aiuto di un coltello più piccolo tagliate la circonferenza del pan di Spagna, lasciando un bordo spesso almeno 2-3 cm.
Asportate la parte centrale del pan di Spagna e svuotate la torta della sua mollica, come se voleste formare una scatola vuota; per modellare bene l’incavo servitevi di un cucchiaio (o delle dita), ricordandovi di lasciare sul fondo uno spessore di circa 2 cm.
Tagliate la mollica estratta in strisce e poi in piccoli cubetti; ora potete decidere se lasciarli in questo modo oppure, se con delicatezza, sfregarli nei palmi delle mani in modo da conferirgli una forma tonda, come l’aspetto della mimosa; metteteli da parte.
Mettete a scolare l’ananas sciroppato e usate metà dello sciroppo di ananas per bagnare il fondo ed i lati della torta facendo in modo che siano inzuppati ma che non cedano.
Tagliate a piccoli cubetti l’ananas sgocciolato. Montate la panna, e aggiungete lentamente a cucchiaiate lo zucchero al velo; incorporatela delicatamente alla crema pasticcera ormai raffreddata, tenendo da parte una porzione sufficiente di crema per ricoprire la torta; aggiungete al composto di panna e crema l’ananas tagliato a piccoli cubetti.
Riempite l’incavo del Pan di Spagna con questa farcia cercando di dare una forma bombata alla torta; chiudete la torta con la calotta che avevate asportato all’inizio della preparazione (messa però con la parte dorata all’interno, che deve toccare la farcia), bagnatela con un po’ di sciroppo e ricoprite, aiutandovi con una spatolina o con un coltellino dalla lama liscia, tutta la torta con la crema che avevate messo da parte.
Una volta ricoperta tutta la torta con la crema, ricoprite l’intera superficie facendo aderire i piccoli cubetti di Pan di Spagna. Ponete la torta in frigorifero per almeno 3-4 ore prima di servirla e qualche minuto prima di servirla decoratela a piacere con frutta, fiori freschi o rametti di mimosa.

In abbinamento propongo un delizioso con scorza d’arancia, aromatizzato naturalmente. Se ne trovano diverse versioni in commercio e la scelta può vertere su diverse tipologie di tè come base per questo tè verde aromatizzato: quindi verde, nero, bianco, oolong. Il mio suggerimento è quello di prepararlo, magari per una prossima occasione, a casa. Come? Essiccate la scorza di un’arancia di agricoltura biologica in micronde per 1 minuto. Adagiate la scorza essiccate su una qualitè di tè verde o nero in foglie e mescolate di tanto in tanto. Lasciate riposare per 30 giorni in un barattolo ermetico.

Ideale per festeggiare come solo le donne sanno fare, in compagnia di altre donne.

Ricerca personalizzata