La musica è da sempre considerata qualcosa di etereo ed inafferrabile ma in grado di mettere in pace l’anima, di aiutare a scaricare le ansie e di immortalare per sempre determinati momenti o periodi che, inevitabilmente, finiscono con l’associarsi ad un determinato brano. In questo panorama di note, la musica classica è indubbiamente la madre di ogni forma di musica e come tale, scenderà in campo a Milano, per prendersi cura della città e dei suoi abitanti.

L’iniziativa dal nome ClassicAperta, promossa dall’associazione per Mito Onlus e dedicata al milanese Claudio Abbado, prenderà il via Sabato 6 Maggio, all’interno della prima edizione di Milano Food City. Realizzata in collaborazione con il Comune di Milano – Municipo 2, il Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi, l’ufficio scolastico del territorio e la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado ha come scopo quello di portare la musica classica tra cortili e periferie, attraverso una serie di concerti gratuiti. Un esperimento già attuato nel 2016, periodo in cui l’associazione ha organizzato dei concerti per i detenuti nelle case circondariali di San Vittore, Opera e Bollate.

L’appuntamento è quindi per Sabato 6 Maggio, dalle 17:30 alle 20 presso i cortili del quartiere Adriano di via Padova dove gli studenti della scuola di musica “Claudio Abbado” si esibiranno in un concerto. Nello stesso momento anche a villa Lecchi, sul Naviglio della Martesana, si potrà assistere ad un concerto di musica. Un progetto ambizioso che mira a puntare l’attenzione sui quartieri di periferia apportando loro delle opere di restauro in cambio dello spazio dove ospitare i momenti di musica.

Gli altri eventi in programma sono previsti per Giovedì 18 Maggio alle 20 presso l’auditorium della Casa della Carità di via Brambilla 10 ed il 25 Maggio, sempre alle 20, presso il Teatrino del Parco Trotter. Ad esibirsi nei due eventi saranno gli allievi del Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi