Agenda Digitale Europea: Going Local Italia 2013

Sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per favorire innovazione e crescita. 

Questo l’obiettivo primario di una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020: l’Agenda Digitale Europea. E proprio in questi giorni si svolge in Italia la terza edizione del Going Local Italia 2013, l’evento internazionale che coinvolge i 27 paesi europei per fare il punto sulla diffusione delle strategie digitali. E proprio lo stato dell’arte dell’Agenda Digitale in Italia è stato ieri a Roma e sarà, oggi a Milano, l’argomento portante del dibattito internazionale. Banda larga, digital e knowledge divide e alfabetizzazione digitale. Questi i principali punti analizzati agli Stati generali dell’Agenda Digitale.

Ciò che emerge è un Italia fortemente in ritardo. Un gap che, penalizzando pesantemente l’economia nazionale, è dovuto alla mancanza di infrastrutture e allo scarso uso della rete da parte dei cittadini. Il digitale può essere e deve necessariamente trasformarsi nella principale opportunità di ripresa per gli investimenti e il miglioramento della produttività. Questi gli spunti emersi dal confronto. Ma tanti i passi da fare in una paese dove i finanziamenti europei relativi al settore, diversi miliardi di euro di fondi strutturali, non sono stati mai pienamente sfruttati. L’Agenda Digitale, presentata dalla Commissione nel 2010 e rivista alla fine del 2012, dovrà essere così principale strumento di politica, di crescita e sviluppo per il cambiamento, destinato alla trasformazione dei processi produttivi al fine di una ripresa dell’economia europea.

Ricerca personalizzata