The Guardian, il noto giornale britannico ha definito Sirolo e la Riviera del Conero tra le mete turistiche europee da vedere assolutamente, inserendolo tra le migliori 18 mete raggiungibili da Londra. Così, visto che dall’Italia è ancora più semplice da raggiungere, ecco una piccola guida per chi ancora non conosce questa meta e, anche grazie alle parole entusiaste di The Guardian, desidera scoprirla.

Il comune di Sirolo situato a 125 metri di altezza, si trova tra il Monte Conero ed il Mar Adriatico. Di origini medievali è caratteristico per lo splendido mare ed i vicoli stretti che conducono verso l’antico castello di quello che è un borgo ancora ben conservato.

Chi desidera trascorrere qui un week end potrà destreggiarsi tra passeggiate e sezioni di nuoto, alternando i momenti più sportivi a quelli di puro relax. Ecco una piccola panoramica delle tante possibilità tra cui scegliere:

  • Parco naturale del Conero. Qui sarà possibile camminare godendo dell’oasi verde protetta che si affaccia sul mare e dove è possibile effettuare trekking, gite in Mountain bike o passeggiate a cavallo
  • Visite alle chiese. È possibile ammirare la Chiesa di San Pietro al Conero, la Chiesa di San Nicola da Bari o la Chiesa di S.S. Rosario
  • Arco Gotico. Passeggiando per il centro storico è possibile ammirare l’arco gotico posto proprio all’ingresso e costruito nel 1050
  • Il Castello di Sirolo. Una meta da non lasciarsi sfuggire e che grazie alle atmosfere medievali potrà risultare interessante anche ai più piccoli che si troveranno in un mondo a parte, tutto da scoprire
  • Mare. Per chi preferisce il mare c’è la possibilità di andare in barca o di immergersi tra i fondali grazie ai centri specializzati subacquei. I più tradizionalisti potranno ovviamente optare per una giornata di puro relax in una delle spiagge locali.

Infine, come lo stesso The Guardian ricorda, non è da dimenticare l’ottima cucina del luogo che potrà essere gustata in uno dei tanti ristoranti presenti in loco e le cui specialità sono quelle a base di pese fresco.