Alleanza europea contro Apple

    Nei giorni scorsi, tutti i manager delle più importanti compagnie di telefonia mobile, come Vodafone, Tim, Deutsche Telekom, etc., si sono riuniti a Parigi, dove hanno affrontato l’allarme del nuovo iPhone “embedded” della Apple, che prevede la vendita senza sim, con la possibilità di connettersi alla rete, senza alcuna card; insomma, si comprerebbe un telefonino senza scheda, per poi connettersi in automatico con qualsiasi operatore.

    Questo nuovo prodotto sta inquietando tutti i big del mobile europeo, che temono che questa mossa li spiazzi dal mercato, data la forza contrattuale del gigante americano di Steve Jobs.

    Non solo; si teme, che ciò sia solo un primo passo per esportare in Europa la AT&T, compagnia telefonica americana, ai danni delle compagnie europee.

    Per il momento, la Apple sembra aver deciso di rinviare la vendita sul mercato di questo tipo di iPhone, al 2012, in attesa, anche, di un migliore andamento delle vendite. 

    Per ora l’Europa sembra averla vinta, ma le illusioni non ci sono. 

    Apertamente, non è possibile allearsi contro un “nemico” comune, perchè ciò sarebbe considerato un cartello da parte dell’Autorità Antritrust della UE.

    E’ per questo che tutti smentiscono scenari di alleanzi o accordi anti-Apple; ma nessuno vuole farsi espropriare il mercato dagli americani; non dopo la sconfitta già subita con l’i-Tunes.

    Ricerca personalizzata