Nel mercato della telefonia mobile in generale, ancora oggi il leader indiscusso è Nokia che domina grazie ai suoi cellulari di bassa fascia, ma se focalizziamo tutta la nostra attenzione nei riguardi della categoria smartphone, il colosso finlandese possiamo accantonarlo in un angolo e considerare solo due opzioni: una è Android, l’altra è iOS.

Questa realtà è stata dimostrata da tantissimi studi in questo 2011 e quello di cui parliamo in questo articolo proviene dalla società di ricerche di mercato NPD Group. Come potete vedere dal grafico in evidenza a lato, è evidente la crescita esponenziale di Android che dal 2009 al 2010 ha quadruplicato la sua presenza sul mercato, mentre i leader del settore Windows Mobile e BlackBerry hanno iniziato il lento e inesorabile declino.

Fondamentalmente, il successo di Android era impossibile da regger per tutti gli altri, a causa dell’ enorme vastità della gamma: decine di produttori e diverse centinaia di modelli di smartphone che partono da meno di 100 euro e arrivano fino ai 599 euro del Samsung Galaxy Nexus.

IOs ha già fatto un vero e proprio miracolo riuscendo a piazzarsi al secondo posto con un 29% di presenza sul mercato (tra l’altro riportando un trend di crescita) con soli 5 smartphone in produzione (iPhone, iPhone 3G, iPhone 3GS, iPhone 4 e l’ultimo iPhone 4S).

Microsoft potrebbe far fronte al calo drastico di Windows Mobile con il nuovo s. o. Windows Phone 7, anche se attualmente detiene solo il 2% del market share. Decisamente senza speranze la situazione di Blackberry che dal 2010 ha dimezzato il suo market share e attualmente si ferma al 10%.