Sono serviti sette mesi alla Bim per portare in Italia l’horror di Alexandre Aja, che non ha fatto certo faville al box office Usa (25 milioni di dollari incassati, dopo esserne costati 24) ma ha rimediato ai botteghini internazionali dove ha raggiunto gli 80 milioni, spingendo addirittura i produttori a pensare già a un sequel. Elizabeth Shue, Richard Dreyfuss, Adam Scott, Ving Rhames, Jerry O’Connell e il mitico Doc di Ritorno al futuro Christopher Lloyd sono i protagonisti del film, che si presenta come remake del cult “Piranha” diretto da Joe Dante nel 1978. Da una crepa del Lago Vittoria fuoriescono migliaia di pesci dall’aspetto poco amichevole che possono sbranare vivo un uomo. Nel frattempo lo Spring Break, evento atteso da tutti i giovani del posto, è iniziato e Jake quest’anno non se lo vuole perdere.

Abbandonati a loro stessi i fratellini, che dovrebbe curare mentre la mamma (Elisabeth Shue) tenta di scoprire cos’è successo a un povero pescatore, il ragazzo si imbarca con Derrick (Jerry o’Connell), che gli ha offerto un lavoro come guida per aiutarlo a trovare la location ideale per girare il suo film. Mentre loro girano il loro film, a riva degli ospiti inattesi fanno visita ai festanti interrompendo sul più bello la manifestazione di Miss maglietta bagnata. A tentare invano di mettere in guardia i malcapitati ci sarà lo sceriffo con i suoi uomini e alcuni geologi. Uscito il 20 agosto del 2010 nei cinema americani, “Piranha 3D” sbarcherà nelle sale italiane il prossimo 4 marzo.