Arriva il prequel di Cabin Fever targato Kaare Andrews

    Era il 2002, e nei cinema usciva una pellicola horror di grande potenza visiva, realizzata prendendo spunti da altri interessanti prodotti come “La casa“, “Non aprite quella porta” e “L’ultima casa a sinistra“: s’intitolava “Cabin Fever” e il regista era un certo Eli Roth, che si fece conoscere grazie a questo film, e che raggiunse poi la popolarità con il ben più noto “Grindhouse – Planet Terror“, in collaborazione con Robert Rodriguez.

    Il primo “Cabin Fever” di cui si abbia memoria quindi, racconta la storia di cinque giovani, tre ragazzi e due ragazze, che giungono in un tranquillo chalet di montagna, per trascorrere una rilassante settimana di vacanza. Come accade spesso in queste produzioni di genere, uno dei personaggi, non si sa bene per quale oscuro motivo, si allontana dagli altri finendo irrimediabilmente nei guai, mettendo successivamente in pericolo chiunque gli stia accanto, o torni ad incrociarlo sulla propria strada, attraverso una strana ed inquietante malattia contagiosa.

    Ora siamo nel 2012, e sembra proprio che sia arrivato il momento del suo ritorno nelle sale, anche se non sarà un remake ma bensì un prequel altrettanto truculento, dal titolo “Cabin Fever: Patient Zero“. L’autore che si assumerà il compito di dar vita a questo progetto, risponde al nome di Kaare Andrews, ex fumettista Marvel (The Incredible Hulk, Ultimate X-Men e Spider-Man: Reign) e regista esordiente dell’horror soprannaturale “Altitude“, presentato alla 28° Edizione del Torino Film Festival (2010).

    Cabin Fever: Patient Zero” narrerà le origini del virus fatale, seguendo le vicende dei passeggeri di una nave da crociera, che naufragano su un’isola dei Caraibi adibita a sito di ricerca. Colpiti dal terribile morbo che corrode le loro carni, devono trovare il modo di sopravvivere. La sceneggiatura è stata affidata a Jake Wade Wall, autore del remake di The Hitcher.

    Infine, il prequel dovrebbe poi portare a un secondo film intitolato “Cabin Fever: Outbreak“, e sembra che la location delle riprese sia la Repubblica Dominicana, dove ha sede una delle società di produzione. Staremo a vedere cosa succederà, e se questi due nuovi capitoli della saga, riusciranno ad eguagliare il loro terrificante predecessore…

     

     

     

    Ricerca personalizzata