Atalanta-Juventus: Conte cerca la nona, Buffon a caccia di record

L’Atalanta ospita la Juventus nella diciassettesima giornata di Serie A. Un campo notoriamente difficile per le big, sulla quale i bianconeri cercheranno la nona vittoria consecutiva in campionato e la definitiva fuga in campionato, visto il mezzo passo falso del Napoli di ieri sera a Cagliari.

La Juventus sta vivendo un ottimo momento in Serie A, non solo per i risultati ma anche per l’imbattibilità di Gigi Buffon che dura da 760 minuti. Per il numero uno della nazionale mantenere la porta inviolata anche a Bergamo significherebbe raggiungere il terzo posto nella classifica assoluta di imbattibilità (condotta da Sebastiano Rossi, 929 minuti).

Motivazioni, risultati e gran forma sono tutte dalla parte della formazione bianconera, che però deve fare i conti con l’infelice situazione del suo allenatore, che sta vivendo giorni difficili a causa del nuovo coinvolgimento nel calcioscommesse. Per questo motivo Antonio Conte, grande ex di questa Atalanta-Juventus, si è chiuso in un silenzio stampa di protesta nei confronti delle eccessive attenzioni riservate dai media alle dichiarazioni diffamatorie dei suoi accusatori, ritenute prive di fondamento dal tecnico leccese.

I campioni d’Italia verranno schierati con il solito 3-5-2, marchio di fabbrica proprio di Antonio Conte. L’unica defezione tra i titolari è quella di Andrea Pirlo, ancora fermo ai box. Chiellini, Barzagli e Bonucci difenderanno la porta di Buffon, centrocampo con Vidal, Marchisio e Pogba, sulla fascia sinistra Asamoah mentre l’unico dubbio riguarda il ballottaggio tra Lichtsteiner e Isla sull’out di destra, con lo svizzero favorito sul cileno. Davanti la coppia d’attacco sarà composta dai soliti Llorente e Tevez, con Quagliarella pronto a subentrare in caso di necessità. Indisponibili Vucinic (sempre più vicino all’addio alla maglia bianconera) e Simone Pepe, per il quale Conte non vuole rischiare una ricaduta.

I bianconeri troveranno un’Atalanta agguerrita, che quest’anno in casa è sempre andata a segno e ha fermato, tra le altre, anche la Roma (1-1-). I soli Bellini e Lucchini sono indisponibili, quindi il 4-4-1-1 di Colantuono vede le novità Migliaccio in difesa e la conferma del giovane Kone in fascia. In attacco i nerazzurri si affidano alla ormai storica coppia argentina composta da Moralez-Denis.

Ricerca personalizzata