Basta un tiro di Pirlo e il Milan va su

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mJ3yI8Nc4iU[/youtube]Non a caso il titolo usato ricorda una canzone di Mary Poppins; infatti non è un caso che quel pallone carico di stelline, calciato da 28 m, sia finito proprio lì dove nessun portiere al mondo poteva arrivare: non è un caso che a calciare quel pallone sia stato Andrea Pirlo.

    Quello di ieri sera è stato un gol importante per tanti motivi, straordinaria bellezza a parte: in primo luogo perchè  se qualcuno, fino a ieri, diceva che questo Milan è Ibra-dipendente dovrà rimangiarsi le proprie parole; secondo, è da un pezzo che i centrocampisti rossoneri non riprovavano la soluzione da lontano, la presunzione ha sempre portato a voler entrare a tutti in costi in area di rigore col pallone tra i piedi; terzo, per Pirlo è un’inezione di fiducia importante, l’anno scorso l’unica perla l’ha regalata a Madrid.

    Quanto alla gara, si può dire che nel primo tempo del “Tardini” si è visto, senza dubbio, il miglior Milan stagionale: un buon ritmo tenuto dagli uomini di Allegri ha portato più volte la squadra vicina al gol, in particolare con Ibra che si è fatto respingere per tre volte nella stessa azione da Mirante.

    Nel secondo tempo il Parma di Marino, soprattutto dopo gli ingressi di Bojinov e Valiani, ha creato qualche insidia alla retroguardia rossonera, che non senza qualche affanno è riuscita a tenere botta sugli attacchi gialloblù. Tuttavia, i rossoneri hanno avuto anche occasioni di contropiede clamorose, non finalizzate a causa di qualche leziosismo di troppo, che sarebbe potuto costare caro.

    Con la vittoria di ieri il Milan sale momentaneamente in testa alla classifica con 11 punti, aspettando il risultato di stasera tra Inter e Juventus.

    Ricerca personalizzata