Finisce il sogno del Raja, Bayern Monaco campione del mondo

Il Bayern Monaco di Guardiola chiude alla grande questo 2013, laureandosi campione del mondo per club. I tedeschi, dopo una partita con qualche brivido (soprattutto negli ultimi 10 minuti), battono i sorprendenti marocchini del Raja Casablanca col risultato di 2 a 0. “Giocheremo contro un’intera nazione, non contro una squadra“, aveva detto il tecnico catalano nella conferenza prepartita, ma i suoi uomini dimostrano di saper reggere bene la pressione e portano a termine la missione Mondiale.

Guardiola parte con un 4-3-3, con Alaba e Rafinha sulle fasce a spingere e Lahm nel nuovo ruolo di mediano, con al suo fianco Kroos e Thiago Alcantara. Shaquiri e Ribery sostengono il “falso nueve” Muller. Il Raja si schiera con il 4-5-1, per provare a contenere le avanzate avversarie. Sin dall’inizio la squadra tedesca prova a spingere, e dopo soli sei minuti passa in vantaggio. Dante, su un calcio d’angolo battuto dalla destra, raccoglie il colpo di testa di Boateng e di destro batte Askri.

I tedeschi giocano di possesso, e dopo alcuni minuti interlocutori vanno vicinissimi al raddoppio con Alaba, che dopo una bella azione con Thiago Alcantara e Muller calcia dal lato sinistro dell’area di rigore. Askri in qualche modo para con i piedi. Il miracolo del portiere però è solo il preludio al 2 a 0: ancora Alaba, vera spina nel fianco degli africani, scatta sulla sinistra, e sul suo traversone basso Thiago Alcantara mira l’angolo basso della porta e di piatto trafigge il portiere avversario. A questo punto i tedeschi iniziano il loro “tiki taka”, che stordisce gli avversari, e vanno ancora vicini al goal con un bel tiro da fuori di Shaquiri. Un rinvio sbagliato di Neuer rischia di riaprire la partita, ma Chtibi non centra la porta libera dai 25 metri.

Nel secondo tempo gli africani iniziano con piglio deciso, ma il Bayern riprende presto possesso della partita. Al 56’però è il Raja ad andare vicino al goal, con un bel colpo di testa di Iajour che finisce tra le mani di Neuer, sulla traiettoria. I campioni d’Europa provano allora a chiudere la partita, ma Shaquiri al 61’colpisce una clamorosa traversa a pochi passi dalla porta. Da questo punto è la squadra di Casablanca ad andare più vicina alla rete, con Moutaouali che riesce a sbagliare un goal a porta praticamente sguarnita. Forse non avrebbe riaperto la partita, ma sarebbe stata la giusta ricompensa a tanti sforzi. Faouzi Benzarti può essere soddisfatto della sua squadra, che con un po’ di freddezza in più avrebbe anche potuto impensierire gli avversari.

Foto: http://www.fcbayern.de/de/

Ricerca personalizzata