Bruce Springsteen, ‘High Hopes’ in rete per errore

“Il modo migliore per descrivere ‘High Hopes’ è che è un po’ un’anomalia”, ha detto recentemente Bruce Springsteen alla rivista Rolling Stone, ma l’anomalia reale l’ha creata Amazon Usa mettendo online lo scorso 28 dicembre per alcune ore, probabilmente a causa di un errore, le tracce del disco.

Malgrado le canzoni siano state tolte dalla piattaforma mobile appena i gestori del sito si sono resi conto del fallo, il danno ormai era fatto. Le tracce erano infatti già state captate dai siti di file sharing, dai quali sono tutt’ora scaricabili.

Da Amazon nessuna dichiarazione riguardo il problema dello scorso sabato e la data di pubblicazione ufficiale rimane fissata per il 14 gennaio; sarebbe però condivisibile un’anticipazione per salvare il salvabile ed evitare un semi flop al momento della distribuzione. Sarebbe infatti un grande dispiacere dato che High Hopes è un disco davvero particolare, un insieme del meglio degli inediti degli ultimi dieci anni, ricco di collaborazioni con Clarence Clemons e Danny Federici, due membri della E Street Band che sono morti negli ultimi anni e con Tom Morello, conosciuto per il suo lavoro con i Rage Against The Machine, nel disco in ben otto tracce.

Un disco ricco del passato del Boss; la title track ‘High Hopes’ è infatti la cover di una canzone popolare di Tim Scott McConnell, che Springsteen aveva originariamente registrato per un EP nel 1996. Il disco include anche le versioni rivisitate di ‘Down In The Hole’ e ‘The Ghost Of Tom Joad’, accanto ad una cover di ‘Dream Baby Dream’ della punk band dei Suicide.

Ricerca personalizzata