Calcio femminile: è Nadine Angerer a vincere il Pallone d’Oro 2013

La cerimonia di consegna del Pallone d’Oro è uno dei momenti più attesi ed importanti dell’intero anno calcistico. Si tratta del riconoscimento più prestigioso che un calciatore possa ricevere, un tributo alla carriera ed allo straordinario talento espresso nel corso della stagione. Come tutti ormai sanno ad aggiudicarsi il Ballon d’Or 2013 è stato il portoghese Cristiano Ronaldo, stella del Real Madrid e della Nazionale, battendo il “pluridecorato” Leo Messi.

Quello di cui però molti non sono a conoscenza è che oltre alla versione maschile dell’amatissimo trofeo ne esiste anche una tutta “in rosa dove a trionfare è stata il portiere della Nazionale tedesca Nadine Angerer battendo la concorrenza della brasiliana Marta del Tyreso e dell’americana Abby Wambach. Si tratta della prima “incoronazione” per lei ma anche della prima volta in assoluto in cui l’ambito premio viene assegnato ad un estremo difensore.

Nadine Anger è una campionessa di valore assoluto che, all’età di 35 anni, si è dimostrata più che fondamentale nella sesta vittoria consecutiva per la Germania del Campionato Europeo, parando ben due rigori. Con la Nazionale teutonica ha collezionato 127 presenze e attualmente difende la porta dei Brisbane Roar, formazione australiana. Il portiere si è aggiudicata, a settembre, anche il titolo di Miglior Giocatrice in Europa UEFA, ritirato a Zurigo.

Tra meriti personali e di squadra Nadine ha voluto commentare così la sua personale vittoria: “Successi come questi non si ottengono mai per meriti esclusivamente personali. Ringrazio le mie compagne e il mio preparatore, che mi ha portato ad un livello che non avrei mai immaginato di raggiungere. Voglio ringraziare anche le persone che mi sono state vicine nella vita privata, ringrazio la mia famiglia e anche la mia compagna”.

Ndine Angerer nel 2010 aveva fatto “outing” dichiarano al mondo intero di essere bisessuale in un’intervista rilasciata alla Bild: “Non vedo nessun problema per me nell’uscire allo scoperto..non credo che serva particolare coraggio, io sono una persona a cui non piacciono gli stereotipi e posso tranquillamente convivere con questo aspetto della mia vita in maniera rilassata”.

La notizia non ha creato particolare disappunto tra i tifosi della Nazionale tedesca che apprezzano Nadine Angerer per le sue gesta sul campo indipendentemente dalle sue scelte nella vita privata. Non si tratta inoltre dell’unica calciatrice ad aver dichiarato pubblicamente le sue preferenze sessuali: Ursula Ulrika Holl, per esempio si è da poco legata alla compagna Steff Jones.
Un bell’esempio che dimostra come il calcio femminile possa insegnare qualcosa ai colleghi del mondo maschile dove la sessualità è purtroppo ancora un argomento tabù.

Ricerca personalizzata