Calciomercato di B: Carpi scatenato, Hernandez preoccupa il Palermo

Batti un colpo per la A. E’ l’ideale slogan del mercato di Serie B, già in pieno fermento complice la lunga sosta che terrà i club di cadetteria lontani dai campi fino a sabato 25 gennaio. Solo trattative dunque, per rinforzare organici e alimentare sogni. La resa dei conti è già oggi. Palermo, Empoli ed Avellino avvolte in tre punti. Dietro di loro ben dieci squadre in piena proiezione play-off. Tanto, tutto, è ancora da scrivere sulle reali gerarchie di un campionato livellato, quest’anno come non mai. Il calciomercato appare così l’unico mezzo per spostare gli equilibri.

Non quelli del Palermo, che primo vuole restarci. La formazione rosanero, preso l’esperto Vitiello dal Siena, punta ad un esterno di sinistra: Lazaar del Varese è il sogno, Del Grosso e Ashong le principali alternative. Sguardo anche al centro in ottica mediana: Valdifiori e Gazzi le piste. In uscita occhio ad Abel Hernandez: protagonista nel girone d’andata e adesso corteggiato dalla massima serie. Il Palermo non ha certo l’aria di chi deve cedere a tutti i costi, ma di fronte a certi tipi di offerte anche Zamparini potrebbe vacillare. Cacia del Verona (con Hernandez che finirebbe proprio in Veneto) è l’ipotesi, fra quelle di vendita, più quotata.

CARPI PIGLIATUTTO… Con l’Empoli sornione, e il Lanciano impegnato sul fronte univoco dell’attaccante, a brillare è la sorprendente intraprendenza della neopromossa compagine emiliana. Gli uomini allenati da Stefano Vecchi hanno concluso il girone di andata a 30 punti, due in meno rispetto al sesto posto. E pare proprio che non vogliano lasciare nulla di intentato in vista della seconda metà di stagione. Gli obiettivi sono ambiziosi: Ardemagni in attacco; uno fra Lazarevic e Di Roberto per il centrocampo; Marzorati e Legati per la difesa. E’ in particolare la pista che porta al bomber del Chievo, autentico lusso per la categoria, ad infiammare i pensieri dei tifosi: ancora qualche ora di riflessione e poi l’ex Cittadella potrebbe accettare l’ingaggio shock da circa 500mila euro offertogli dai biancorossi per sei mesi.

IN CODA… Vogliono scalare posizioni Spezia, Novara e Padova. I piemontosi si sono nelle ultime ore aggiudicati l’esperto Marco Sansovini, in uscita dallo Spezia, mentre in difesa puntano Lambrughi del Livorno. Lo Spezia dell’ex ct dell’Under 21, Devis Mangia, sogna De Luca dell’Atalanta e per il centrocampo pensa a Fossati (a Bari, ma di proprietà del Milan). Per la difesa è parziale frenata su Romagnoli della Roma, infortunatosi alla caviglia: i liguri aspetteranno ancora qualche giorno per capire la reale entità del recupero del talento difensivo, scelto come ideale partner di Bianchetti, appena prelevato dal Verona. Il Padova aspetta il sì del Genoa per l’esterno Improta e nel frattempo ha chiuso per Nocchi, promettente portiere di proprietà della Juventus, nella prima metà di stagione a Carpi.

Ricerca personalizzata