Cina alleato della UE contro il debito

    E’ una notizia ufficiale, che arriva dopo indiscrezioni di pochi giorni fà, che avevano però riguardato solo il Portogallo, ma adesso lo si può dire: sarà la Cina l’alleato che l’Unione Europea sta assoldando, per combattere la nevrosi dei mercati finanziari?

    Il premier Hu Jintao, la settimana scorsa, lo aveva dichiarato, ma senza prendere impegni precisi; adesso, si sta trovando un accordo tra le due potenti aree economiche del pianeta, per cui la Cina si impegnerà ad acquistare obbligazioni dei Paesi UE in difficoltà, per via del debito, mentre la UE aprirà alle imprese cinesi, con una politica di accesso a pari condizioni (che, peraltro, già esiste).

    L’accordo potrebbe essere un punto di svolta in una situazione, in cui i sospetti che alcune lobbies internazionali stiano giocando contro l’euro sono forti.

    E’ notizia di pochi giorni fà che nove grandi colossi bancari (tra cui JP Morgan e Goldman Sachs) si riunirebbero ogni settimana, per decidere quale paese attaccare finanziariamente, e pare che l’unico scopo sia l’assassinio dell’euro. Forse sarà fanta-finanza; fatto sta che si sta delineando, a livello mondiale, un accordo che sancisce una nuova forma di sostegno e di cooperazione tra Ue e Cina, che potrebbe togliere in questo momento l’Europa dal guado.

    La Cina, infatti, detiene centinaia di miliardi di dollari di riserve valutarie, che potrà così impiegare per acquistare, come in questo caso, bonds europei, allo scopo di non farne lievitare i tassi, quindi di mantenere il debito a media scadenza dei rispettivi Paesi solvibile.

    Un’operazione della Cina che sembra una ritorsione contro la politica USA di svalutazione del dollaro, attraverso l’acquisto di 600 miliardi di dollari di titoli stranieri.

    Ricerca personalizzata