Cinque per mille: associazioni volontariato, situazione da allarme rosso

    Nel nostro Paese le Associazioni del volontariato, molto importanti e fondamentali per l’attivazione di reti di solidarietà a supporto, a sostegno ed in aiuto delle persone in difficoltà e delle famiglie disagiate, rischiano di rimanere a secco.

    Questo dopo che il Governo ha tagliato le risorse da destinare al cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) nonostante nel frattempo la crisi finanziaria ed economica abbia fatto aumentare anche in Italia le famiglie allo stremo con l’aumento dei poveri e di chi fatica ad arrivare alla fine del mese.

    Netta è al riguardo la posizione congiunta della Federconsumatori, dell’Adusbef e di MC, Movimento Consumatori, nel chiedere che il Senato non convalidi un provvedimento che sarebbe per le Associazioni del volontariato una vera e propria condanna a morte.

    A tal fine le tre Associazioni dei consumatori con un comunicato congiunto hanno fatto sapere che metteranno in campo ogni iniziativa utile, compresa quelle delle manifestazioni e dei presidi, affinché possa rientrare quello che per le associazioni del volontariato è un vero e proprio allarme rosso. Il tutto a fronte di quello che Adusbef, Federconsumatori e Movimento Consumatori bollano come un vero e proprio scippo ai danni di chi assiste persone e famiglie in difficoltà.

    Ricerca personalizzata