Claudio Baglioni sveglia i cuori di Sanremo

Claudio Baglioni, ospite al Festival di Sanremo, ha portato sul palco tutti i suoi maggiori successi e ha commosso la platea dell’Ariston con il suo repertorio.
Un medley con i suoi migliori successi: Questo piccolo grande amore, E tu, Avrai, Strada Facendo e Mille giorni di te e di me hanno svegliato i cuori del pubblico e grande è stato il riscontro social. Tanti i visi commossi, mentre tutta l’Italia davanti la tv ripensava, con vena nostalgica, alle storie d’amore passate e recenti.
Baglioni è la colonna sonora di buona parte degli amori degli anni ’80-’90.
La platea ha richiesto a gran voce il bis, segno di come il cantante sia amato da tutte le generazioni e di come abbia fatto parte della vita di milioni di persone in tutta Italia e, perché no, anche nel mondo.

Il cantante di Centocelle ha raccontato come sia fortunato a compiere questo mestiere. Sono un cantante, un autore ed è la cosa che so fare meglio. Tutto quello che ho provato al di fuori di questo, ho fallito miseramente, Fazio incalza dicendo: Non è vero, hai fatto televisione ed è stato un successo. Non sono mancati gli appunti su come vorrebbe che fosse il Festival: una rassegna internazionale dove si possano mescolare tanti tipi di musica diversi, andando oltre a ciò che si sente fino ad adesso.

Così Baglioni ha spiegato il suo nuovo album: Poche cose più della musica possono trasmetterci l’energia di cui abbiamo bisogno per ripensare valori e ideali, ritrovare la fiducia in noi stessi e nel futuro e, soprattutto, la voglia e la forza di ripartire e ricostruire. ConVoi vuole essere il brano simbolo di questa rinascita: un invito a trovare un’altra immensità e diventare liberi, cercare un mondo nuovo e nuove identità e restare semplici, salvare la speranza nella verità e morire giovani, nel senso – ovviamente – di non smettere mai di esserlo. Un lavoro di ricostruzione che non può rimanere un fatto individuale, ma deve realizzarsi attraverso un percorso comune, da affrontare – appunto – ConVoi, dal momento che tutti sono chiamati a fare la propria parte, mettendo in gioco idee, valori, energie. In due parole: se stessi.

L’artista si è infine congedato tra gli applausi emozionati del pubblico.

Ricerca personalizzata