Oggigiorno sono molteplici le possibilità che si possono mettere in campo per mettersi in proprio e se si sceglie una giusta nicchia di mercato, moltissime sono le soddisfazioni in termini economici che si possono ottenere.

Secondo una recente ricerca è sttao appurato che l’Italia è il secondo paese al mondo per numero di cellulari posseduti. Da questo dato dunque, si può evincere che aprire un negozio di telefonia può essere una scelta molto efficiente.

Ma cosa bisogna fare per avviare un’attività in proprio?

Prima di tutto occorre un forte spirito imprenditoriale, caratterizzato da una forte determinazione, ambizione, voglia di mettersi in gioco e soprattutto bisogna possedere un buon capitale.

Detto ciò ecco qui di seguito qualche utile consiglio per avviare un”attività in proprio:

Prima di tutto bisogna scegliere un buon locale. Non per forza deve essere di grandi dimensioni. Tuttavia per partire con il piede giusto, esso deve essere ubicato in un luogo dove c’è un forte accesso pedonale. Questa è la prima regola.

Un altro aspetto fondamentale è la scelta dei fornitori. E’ vero che sono tantissimi i grossisti a disposizione, ma occorre scegliere l’azienda che abbia una certa maturità alle spalle, e che abbia una vasta gamma di prodotti, a partire da quello economico a finire a quello di lusso per i clienti più esigenti.

Un’altra accortezza che non bisogna sottovalutare è l‘assistenza post vendita. Per contraddistinguersi dalla concorrenza è importante offrire alla clientela un qualcosa di diverso, particolare. Quindi a tal proposito, è fondamentale possedere delle competenze tecniche per offrire manutenzione al prodotto stesso.

Per quanto riguardano i costi che bisogna affrontare per poter avviare un negozio di telefonia, si aggirano intorno ai 25.000-30.000€, ma i margini di guadagno non sono da sottovalutare.