Come conservare il sapore della stagione: le castagne sotto amaretto

Per conservare a lungo il principale sapore della stagione, quello delle castagne, vi propongo di sperimentare questa ricetta gustosa e alcolica. La base è l’amaretto, un liquore ricavato dalle mandorle e da diverse erbe, dal sapore amaro.

Non è un liquore distillato, ma è un infuso alcolico, la cui gradazione alcolica si aggira tra il 23-28%. Si presenta di colore trasparente, bruno con sfumature rossastre ed è acquistabile come prodotto artigianale o industriale. Di seguito la ricetta delle castagne sotto amaretto:

Ingredienti
1 kg di castagne di montagna di grandi dimensioni
700 gr di zucchero
1 dl di liquore amaretto
3 dl di acqua

Preparazione

Sbucciate le castagne e gettatele in abbondante acqua bollente per qualche minuto; poi scolatele e, ancora calde, pelatele, usando le dovute precauzioni per non scottarvi. Mettete poi su fuoco basso una casseruola piuttosto capiente e sciogliete lo zucchero nell’acqua, mescolando con un cucchiaio di legno. Ottenuto uno sciroppo, spegnete il fuoco e aspettate che intiepidisca, quindi aggiungetevi le castagne. Rigiratele con delicatezza perché si ricoprano di sciroppo, poi accendete nuovamente il fuoco e fate cuocere fino a quando i frutti non risulteranno teneri ma ancora sodi. Scolateli allora dallo sciroppo e disponeteli nei vasi tiepidi e precedentemente puliti con molta cura. A questo punto versate l’amaretto nello sciroppo di zucchero rimasto sul fondo della casseruola e fate addensare mescolando a fuoco dolce. Versate questo preparato ancora caldo sulle castagne e richiudete subito i vasi, che conserverete in un luogo asciutto e buio fino al momento dell’uso.

Ricerca personalizzata