Conciliare Natale e carriera: ecco i segreti di Corinne Mills

Uno dei dilemmi, da sempre più gettonati, nella fantasia comune di tutti è quello che mette in contrapposizione il binomio lavoro-vita personale. Questo grande classico della vita sociale di tutti i giorni ci riporta ad uno degli eventi che più genera questa controversia: il Natale. A Christmas Carol, scritto nel 1843 da Charles Dickens, è una delle opere più famose della letteratura inglese che mette in luce quest’aspetto e prende una posizione netta: meglio i valori della vita sociale e familiare piuttosto che la carriera. I tempi però sono molto cambiati rispetto ad allora e da oggi esiste, secondo alcuni, un modo, non solo per correlare il lavoro con la vita familiare, ma addirittura di conciliare il Natale con la carriera.

Dalle colonne del quotidiano on-line “The Guardian”, direttamente dall’Inghilterra, ecco che sbarca la nuova innovativa idea di Corinne Mills, amministratore delegato di Personal Career Management. Secondo la Mills sarebbe possibile far “sopravvivere la carriera a queste feste di Natale” praticamente riuscire a conciliare il Natale con la carriera personale.

“Non limitare la tua mailing list -scrive Corinne Mills- a parenti e amici. Le e-cards natalizie ecologiche hanno reso molto semplice inviare gli auguri anche a tutti i contatti professionali. Si possono includere ex-capi o colleghi, clienti, fornitori e così via e questo è un ottimo modo per ristabilire un contatto con la gente che non si vede da un po’ di tempo, in modo da rimanergli ‘in mente’, perché queste persone potrebbero avere un’occasione adatta a voi in futuro”.

E’ solo uno degli esempi che l’amministratrice riporta nel suo articolo. Tra questi consiglia anche cose come andare a prendere un drink di Natale, ossia bere qualcosa in compagnia delle persone con le quali si è interessati a parlare. In particolare per quel che riguarda il lavoro, perché nel periodo natalizio si è ben predisposti verso gli altri. Altre dritte possono riguardare anche la sfera privata ed anzi la Mills spiega:

“Alle riunioni di festa in famiglia, a un certo punto la conversazione si sposta sempre sul lavoro. Quando ciò accade, vale la pena di condividere i vostri pensieri e vedere gli input che i membri della famiglia potrebbero offrire. Dunque, mai trascurare la famiglia come una potenziale fonte di conoscenze e contatti: può essere molto utile”.

Il finale è tutto dedicato al nuovo anno, il 2014, e i consigli su come affrontarlo: “E poi è tempo -conclude Mills- di attrezzarsi per l’anno a venire e creare una pianificazione della carriera basata sulle decisioni prese per il nuovo anno. Potreste rispolverare il vostro cv, aggiornare le vostre abilità, acquistare un vestito nuovo nelle vendite natalizie o di decidere di lavorare con un ‘coach’ che vi aiuti a cambiare carriera o a approdare a un nuovo lavoro. Non importa quanto duro sia stato il 2013, il gennaio 2014 offre un nuovo inizio. E questo potrebbe essere il vostro anno migliore”.

Insomma niente fantasmi per chi decide di dedicarsi alla carriera nel periodo di Natale ma soltanto consigli ed auguri. I tempi sono cambiati ma la costante è sempre la stessa: non trascurare le attitudini morali per dare spazio a quelle professionali.

Ricerca personalizzata