Cresce il Pil, entrate in leggera flessione

    Terzo trimestre in chiaro-scuro, quello che emerge per l’economia italiana, secondo gli ultimi dati dell’Istat.

     Il Pil di luglio-settembre è cresciuto dello 0,2% sul trimestre precedente; il secondo trimestre aveva visto una crescita congiunturale dello 0,5%. Tuttavia, rispetto lo stesso trimestre del 2009, la crescita è stata dell’1%.

    Il Pil segna, quindi, una frenata, in termini di andamento congiunturale, pur rimanendo in territorio positivo.

    Il dato, peraltro, è da mettere anche in relazione al calo della produzione a settembre.

    Quanto alle entrate fiscale, nel periodo gennaio-settembre, si registra un calo dell’17% sul 2009, ma al netto delle una-tantum dello scorso anno, il calo sarebbe molto più contenuto, dello 0,2%, quindi, di fatto, il gettito sarebbe stabile.

    Si spera, a questo punto che dal quarto trimestre del 2010 la crescita possa consolidarsi, anche alla luce dell’andamento dell’economia in Germania.

    Ricerca personalizzata