Crisi Milan: è guerra aperta tra Barbara Berlusconi e Adriano Galliani

Barbara Berlusconi contro Adriano Galliani: il Milan si sfascia sia in campo che fuori. Dopo l’ennesima sconfitta di questo campionato, arrivata sabato sera in casa contro la Fiorentina, ad alzare ulteriormente la tensione attorno all’ambiente rossonero ci ha pensato nella serata di ieri la più piccola delle figlie del PresidenteC’è bisogno di un cambio deciso nella gestione della società” sarebbero state le parole della giovane dirigente, secondo l’ANSA, in un colloquio telefonico avuto col padre SilvioNelle ultime due campagne acquisti il Milan non ha speso poco, ma male“.

I problemi in casa rossonera non sono quindi soltanto di natura tecnica. La notizia aprirebbe ufficialmente una guerra interna al club, tra lo storico amministratore delegato Adriano Galliani, da trent’anni al timone della società di via Turati e il volto emergente di casa Berlusconi, dal 2011 nel cda milanista. Secondo alcune indiscrezioni, il nodo della discordia avrebbe proprio la successione nello scranno più alto del club la sua origine e sarebbe iniziato due anni fa, quando Barbara entrò nella dirigenza rossonera mettendo subito in discussione alcune scelte dell’impropriamente chiamato “Dottore”.

Le tensioni tra i due in questi anni si sono avvertite in più occasioni: dalla mancata cessione al Psg nel gennaio del 2012 dell’attaccante brasiliano Pato, nonché ex fidanzato della ventinovenne figlia di Silvio, che espose l’a.d. rossonero ad una figuraccia internazionale, ad alcuni nuovi ingressi societari degli ultimi tempi riconducibili a Barbara, che Galliani non avrebbe ben digerito.

Sul fronte puramente calcistico, a due giorni dal match di Champions contro il Barcellona, la società rossonera ha deciso di mandare la squadra in ritiro per fare quadrato: la panchina di Allegri al momento non pare in dubbio, ma il suo futuro è legato alle prossime due o tre partite. “È il mio momento più difficile in questi 3 anni e mezzo di Milan” – ha dichiarato il tecnico toscano – “Stare insieme ci farà bene per preparare Barcellona e Chievo. Io devo trovare la soluzione ai problemi, e in qualche modo lo farò“.

Sempre in serata poi, è arrivata la smentita di Barbara, che goffamente ha provato a far sentire nuovamente la propria voce per allontanare ogni sospetto d’accusa “Non ho mai chiesto il cambiamento di Adriano Galliani” – ha detto la figlia del Cavaliere “Nei numerosi colloqui telefonici con mio padre dopo la sconfitta con la Fiorentina ho chiesto semplicemente un cambio di filosofia aziendale per il Milan“. Ma la crepa è ufficialmente aperta: quello che pareva il club calcistico più solido e imperscrutabile d’Italia inizia a mostrare evidenti segni di cedimento. In campo e fuori.

Ricerca personalizzata