Curiosità: il primo iPhone doveva avere una tastiera fisica

    Nell’ormai lontano 2007, la Apple decise di presentare il suo primo modello di iPhone. Nonostante il fascino del dispositivo e, soprattutto, il suo stile innovativo, le persone non rimasero immediatamente colpite. La mela era riuscita ad emergere soprattutto grazie al suo iPod, ma il successo ottenuto con l’iPhone non raggiunse subito quello che attualmente casa Cupertino intasca ad ogni lancio di prodotto.

    La maggiore nota caratteristica di tale device era sicuramente il suo schermo full touchscreen che portava l’utente ad apprezzare il design, ma allo stesso tempo ad avere difficoltà nell’utilizzo della tastiera virtuale. Ancora oggi, difatti, molte persone sentono la mancanza di una tastiera fisica.

    Recentemente un ex dirigente della Apple, Tony Fadell, ha lanciato alcune indiscrezioni riguardanti i primordiali progetti dell’iPhone di prima generazione. Prima di presentare il primo mela telefono, furono creati tre prototipi estetici per capire quale poteva essere giusto per gli utenti. Fra questi era presente anche una variante che possedeva una tastiera fisica! Fadell, però, si schierò a sfavore di quest’introduzione, ma l’ultima parola sarebbe spettata come sempre al noto Steve Jobs. Il grande CEO decise di appoggiare l’idea di Tony Fandell e dichiarò che dei tasti fisici non riuscivano a sposare il design dell’iPhone.

    La scelta, visti i successi attuali, è stata decisamente giusta. Oggi l’aspetto esteriore dell’iPhone ha influenzato tutti gli altri prodotti di casa Cupertino. Possiamo dichiarare che il design del mela telefono è divenuto un’icona.

    Non possiamo negare che una tastiera reale possa rilasciare un’esperienza più comoda, ma non possiamo immaginare un iPhone sporcato con una soluzione hardware del genere.

    Ricerca personalizzata