Dal 2011 sarà più salato fare i furbi col fisco

    Sarà più salato fare i furbi con il fisco italiano, a partire dall’1 gennaio del 2011.

    La legge di Stabilità approvata nelle scorse settimane, infatti, prevede una riduzione dei benefici concessi a chi si concilia con il fisco.

    In sostanza, verranno elevate da un quarto del minimo previsto a un terzo le sanzioni amministrative.

    Prevista una stretta anche sul ravvedimento operoso, vale a dire su coloro che pagano le tasse ma in ritardo. Per loro le sanzioni saranno elevate dal quarto oggi previsto al terzo del minimo sanzionabile.

    Un maggiore rigore, che per le sole imposte sui redditi e iva, dovrebbe comportare un maggiore introito di 490 milioni di euro, mentre altri 120 milioni dovrebbero giungere dalle altre imposte, sull’accertamento parziale.

    Già quest’anno, il recupero dell’evaso è stato di ben 10 miliardi di euro, 2 miliardi in più del 2009.

    Un dato, che suggerisce una crescita esponenziale, che prosegue dal 2006, anno in cui, con una legge voluta da Tremonti, la riscossione dell’evaso è stata garantita ad agenzie statali, a causa della profonda inefficienza del riscosso degli anni precedenti.

    I risultati si sono visti sin da subito e i primi ad accorgersene sono stati, in particolari, gli evasori, che sempre meno riescono a farla franca del tutto, così come sempre più velocemente devono regolare le proprie posizioni con il fisco.

    E tra qualche giorno pure in modo più salato!

    Ricerca personalizzata