Dall’America arriva la moda del Food Tour

Kenny Dunn, originario di Philadelphia, ha 39 anni e da due anni e mezzo ha creato una società la “Eating Europe” nella quale propone ai propri clienti, soprattutto stranieri, dei tour che li guidino nei quartieri più popolari di Roma facendoli gustare piatti e delizie made in Italy.

Un giro gastronomico della città è quello che questo giovane americano propone, è una moda tutta a stelle e strisce che impazza per le vie di Roma, contagiando italiani e stranieri.

Tanti sono gli operatori che con siti in lingua inglese promuovono le loro attività, i turisti e non solo che golosamente apprezzano queste delizie con recensioni festosamente sui siti come Tripadvisor.

Girando per Testaccio ho capito che la cosa più divertente per il turista è conoscere l’anima di un quartiere e la sua storia e apprendere la cultura del cibo e del mangiare bene” racconta Kenny, sottolineando che l’idea di creare “Earing Europe” nasce da qui. Per questa società attualmente lavorano 8 persone ed il costo del tour è di 65 euro a persona.
La mattina intorno alle 10 si parte con una visita in una nota pasticceria dove vengono offerti dolci e cappuccini, si prosegue poi in una enoteca, dove vengono fatti assaggiare salumi e formaggi, si arriva così ad un mercato popolare e dopo averlo visitato si fanno assaggiare ai turisti varie prelibatezze. Infine tutti al ristorante per un pranzo a base di tre piatti tipici romani accompagnati da buon vino.

Kenny sta esportando il food tour in altre città europee, a partire da Londra, Amsterdam e Praga. Nel 2009 è andato a New York ed anche lì ha organizzato un tour: il tour della pizza italiana.

Per tutti gli appassionati del buon mangiare, e del buon bere, che vogliono conoscere Roma al tempo stesso esiste quindi il Food-tour che propone dei giri alla scoperta dei quartieri principali, un giro del mercato Trionfale, pranzo a base di cucina tipicamente romana o un giro a Trastevere, Testaccio e Ostiense con visita delle botteghe tipiche e del popolare mercato.

Siamo ancora pochi ma ogni anno diventiamo di più a fare questo tipo di attività” afferma Kenny Dunn aggiungendo che in effetti il lavoro pare non mancare per nessuno.

Il grande orgoglio italiano oltre la bellezza del bel paese è il cibo, e cosa c’è di meglio che unire in un tour i due fiori all’occhiello?

Ricerca personalizzata