Il diabete nel cane è molto comune. Purtroppo sono molti i proprietari che trascurano l’alimentazione del quadrupede e con il tempo possono sorgere dei gravi problemi come ad esempio il diabete. Si distinguono due forme di diabete, di tipo I comune nei cani, di tipo II nei gatti.

La patologia è diversa nelle due specie, per cui è molto importante saperle distinguerle per una migliore terapia.

Quali sono i cani maggiormente colpiti?

Generalmente il Gold Retriever, il Barboncino, il Keeshond, lo Snauzer Nano,  il Pastore Tedesco hanno una maggiore incidenza, ma anche le altre razze canine possono essere colpite. Le femmine sono quelle maggiormente affette da tale malattia e l’età media di insorgenza è tra i 6 e i 9 anni.

Quali sono le cause?

Diverse possono essere le cause, anche se molti studi ancora oggi non le hanno date per certo, tuttavia ecco qui di seguito quali sono i fattori predisponenti di tale patologia

  • obesità
  • ipertiroidismo
  • infezioni batteriche
  • somministrazione di alcuni farmaci a base di cortisone
  • pancreatiti croniche
  • fattori genetici su alcune razze
  • insufficienza renale
  • ipotiroidismo

 

Diabete nel cane: sintomi

Inizialmente l’animale tende a mangiare molto ma a perdere inspiegabilmente il peso, beve moltissima acqua e avverte un bisogno frequente di urinare. Successivamente se la prima sintomatologia viene trascurata, e quindi la situazione tende ad aggravarsi, ecco qui di seguito gli altri sintomi che si avvertono:

  • letargia
  • vomito
  • disidratazione
  • pelo opaco e spento
  • respiro ampio e poco frequente

L’obesità associata ad una vita sedentaria è un fattore predisponente a tale malattia. Purtroppo molti sono i cani obesi. Per prevenire il diabete bisogna che l’animale mangi in modo sano ed equilibrato.

Qual è nel caso la terapia del diabete nel cane?

La terapia è l’insulina quotidiana al dosaggio adeguato assieme ad una dieta naturale ed equilibrata.