Diamanti, il capitano che lascia affondare la barca

Bologna è una “piazza” ferita. 17 punti in 20 gare, zona retrocessione e tante difficoltà: la complicata situazione dei rossoblu continua a peggiorare; la cessione del suo giocatore più rappresentativo (nonché capitano) apre una grande frattura tra i tifosi e la dirigenza.
Diamanti ha infatti raggiunto l’accordo con il Guangzhou di Lippi, 9 milioni al Bologna e 4 (a salire) per il giocatore.

I sostenitori bolognesi si sentono traditi da più parti: prima Morandi, che lascia la carica di Presidente Onorario perché amareggiato dai cori contro il Napoli; ora Guaraldi e Diamanti, che prendono una decisione di mercato quantomeno discutibile.
Appena due giorni fa il presidente Guaraldi aveva blindato il capitano con una frase inequivocabile, ai microfoni Sky: “Per quanto riguarda Alessandro Diamanti, posso dirvi che è incedibile, è il capitano del Bologna e non vuole andar via, e noi non vogliamo privarcene in futuro in nessun modo”

E ora? Ora sembra che Diamanti abbia già il biglietto per la Cina in mano: all’aeroporto lo aspetterà Marcello Lippi, ex CT della nazionale che da sempre è affascinato dal talento del ragazzo classe ’83. La cessione del numero 23 rossoblu rende la situazione del Bologna ancora più difficile, vista la posizione di classifica quantomeno rischiosa per la retrocessione.

Come ha reagito Bologna? La piazza è scossa dalla cessione del punto di riferimento e esprime la sua rabbia sul web. Ecco alcuni dei commenti e dei tweet che più rappresentano il sentimento dei tifosi felsinei.

Partiamo dal commento di un tifoso-vip. Ivan Zazzaroni esprime così la sua amarezza su twitter: “Se vendono #Diamanti ai cinesi dopo Albano presidenza a Romina. #poveroBolognamio”

Marco B. invece, è più diretto. “Diamanti se te ne vai non farti piu vedere a Bologna! Spero sia tutto falso perchè veramente non ne possiamo più”

Raffaella V. resta accanto al suo capitano, accusando di questa situazione la società: “Ma voi al suo posto cosa fareste? Andreste a prendere un sacco di soldi o rimarreste in una società del genere?”

Edmondo B. rimpiange i “bei” tempi: “Un solo capitano. Sì, Marco Di Vaio.”

Infine Alessio D. ha poche speranze per ciò che riguarda la salvezza: “Le altre a rischio retrocessione cercano di rinforzarsi mentre noi vendiamo il capitano ed unico giocatore che fa la differenza.”

La cessione di Diamanti fa male non solo al Bologna, ma a tutta la serie A che perde uno dei suoi talenti più puri. E a 6 mesi dai mondiali, probabilmente, Diamanti perderà anche la nazionale: difficilmente Prandelli convocherà un giocatore dal campionato cinese. Alla fine, probabilmente, ci rimetteremo tutti.

Ricerca personalizzata