Duri a morire: Ibra decide il derby

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QmUSWxu2bu4[/youtube]Una vittoria cercata, sudata, combattuta, voluta. E’ proprio vero che la fame fa la differenza. Il derby di questa sera è stata la copia al negativo dello 0-2 interista dello scorso anno. Subito gol di Ibrahimovic su un rigore procurato dallo stesso svedese: doccia fredda per i nerazzurri. Nella prima mezz’ora gli uomini di Benitez fanno fatica a trovare gioco e le azioni di contropiede del Milan impensieriscono e non poco Castellazzi.

    Eto’o è l’unica vera spina nel fianco e se il Milan ha chiuso la partita in dieci è anche merito suo: il camerunense con la sua rapidità fa ammonire in pochi minuti Gattuso e Abate. E’ troppo poco per i Campioni d’Europa.

    Il secondo tempo è totalmente nerazzurro: Abate raccoglie la provocazione di Pandev e si fa espellere, comincia l’assedio dell’Inter. Assedio che non trova frutti: le azioni più pericolose di Snejider e compagni sono soltanto tiri da fuori che non danno affanni ad Abbiati.

    Da elogiare la coppia centrale dei rossoneri, che, per la prima volta, gioca un derby da titolare: Thiago Silva e Nesta sono monumentali, da quelle parti non si passa nè che ti chiami Eto’o, Milito o Pandev.

    La resistenza rossonera è da conflitto bellico, la coesione fra il centrocampo e la difesa costruita da Allegri, avrebbe resistito fino al centottantesimo; insomma, citando Mourinho, il Milan questa partita l’avrebbe vinta anche sette contro dieci.

    Ricerca personalizzata