È morto Paolo Onofri, il padre del piccolo Tommy

Paolo Onofri è morto questa mattina nella clinica dove era ricoverato dal 2008. Proprio in quell’anno l’uomo, in vacanza a Folgaria (Trentino) con la moglie e il figlio maggiore, era stato colpito da un malore al ritorno di una passeggiata. Le condizioni si erano subito aggravate ed era intervenuto l’elicottero di Trentino Emergenza che lo aveva subito trasportato in ospedale.

Niente da fare però per Onofri che da quel momentonon ha più ripreso conoscenza ed è entrato in coma. Successivamente il ricovero nella clinica dove oggi si è spento dopo una vita che non gli aveva risparmiato il dolore più grande per un genitore: sopravvivere a un figlio.

Otto anni fa, per l’esattezza il 2 marzo del 2006 il piccolo Tommaso di 17 mesi veniva rapito dalla casa dove viveva con la famiglia a Casalbaroncolo. Le ricerche si sono susseguite incessantemente ed hanno lasciato senza fiato tutto il paese, ma si sono svolte invano, poiché un mese dopo il corpicino esanime del piccolo venne rinvenuto sull’argine del fiume Enza. Tommaso era stato ucciso la sera stessa del rapimento.

Dopo le indagini vennero dichiarati colpevoli il manovale Mario Alessi e la convivente Antonella Conserva. Alessi è ora all’ergastolo ma non saranno certo gli anni di galera ad alleggerire il peso che Paola Pellinghelli, la mamma di Tommy, dovrà portarsi nell’anima dopo la perdita del figlio e ora anche del marito.

Ricerca personalizzata