The next generation analytics tool for news publishers” – così viene presentata Echobox sul suo sito ufficiale: si tratta di un’applicazione di web analytics sviluppata da una giovane startup londinese, pensata appositamente per i portali editoriali e per le redazioni news online.

La particolarità di questa applicazione è che scansiona in tempo reale le visite di un sito e, grazie ad uno speciale algoritmo interno in grado di analizzare i dati dei visitatori relativi alle abitudini e ai comportamenti di navigazione, consiglia all’editore sempre le migliori soluzioni di pubblicazione, fornendo a quest’ultimo indicazioni mirate e di facile comprensione. L’obiettivo di Echobox? Rendere virale il contenuto e aumentare di conseguenza il più possibile il traffico al sito.

Come anticipato in apertura, le raccomandazioni eseguite dall’app non avvengono per mezzo di diagrammi o grafici intricati, che richiederebbero tempo e competenze tecniche atte ad un’attenta interpretazione, bensì attraverso consigli di poche righe scritti in un linguaggio chiaro, user-friendly; uno stile discorsivo che rende quindi molto più intuitiva la comprensione di quali tecniche mettere in campo affinché un articolo risulti popolare.

Il tool potrebbe consigliare, ad esempio, di accorciare un dato contenuto perché ritenuto troppo lungo e inefficace per l’interesse del pubblico; potrebbe inoltre indicare un orario e un giorno specifico per la pubblicazione del post sui social media.

L’intuizione del suo founder – Antoine Amann – è stata proprio quella di rendere comprensibili e accessibili a tutti i linguaggi delle metriche web: “[…]tutti gli strumenti finora esistenti restituiscono soltanto grafici e numeri. Raccontano solo metà della storia, l’altra metà della storia consiste nell’interpretare questi dati e derivare da essi dei suggerimenti pratici“. Un progetto ancora in “beta”, ma che potrebbe ben presto rivoluzionare il mondo dell’editoria online, dando la possibilità anche ai piccoli editori di migliorare la propria visibilità e accrescere l’audience di lettori.

[foto credits: wwww.echoboxapp.com | angel.co/antoineamann]

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaso Gentile, la verità sulle dimissioni
Prossimo articoloMcDonald’s: “costruisci il tuo panino”
Contributor Bloglive.it sezione Lavoro & Innovazione Classe 86, nato a Milano ma residente a Como; sono laureato in Marketing e in questi anni mi sono specializzato nel web marketing e nella comunicazione sui social media. Ho la passione del blogging e della scrittura per il web, orientata in particolare ai temi dell'innovazione e della tecnologia