Edoardo Stoppa aggredito durante un servizio di Striscia

Mercoledì sera, a Breganze in provincia di Vicenza, è stata aggredita una troupe di “Striscia la notizia”. L’aggressione è avvenuta verso sera da parte di uno dei titolari della sezione locale della “Società amatori Sharferhunde”; a farne le spese è stato Edoardo Stoppa e due dei suoi collaboratori finiti in ospedale per le pesanti percosse subite.

Lo staff del programma stava lavorando ad un servizio sul controllo del benessere degli animali effettuato dai Nas di Padova all’interno di un allevamento della provincia di Vicenza. Evidentemente, le immagini filmate non doveva essere diffuse e hanno indotto uno dei soci a reagire con la violenza pur di allontare le telecamere.

All’ospedale di Santorso (Vicenza) sono stati curati il cameramen di Striscia, colpito da un calcio all’inguine, il presentatore, Edoardo Stoppa, che ha riportato una ferita al collo e un altro collaboratore. Stoppa al momento sta bene. E’ stato dimesso quasi subito dopo gli accertamenti del caso, mentre gli altri operatori sono stati trattenuti in osservazione.

Quello che si stava riprendendo all’interno dell’allevamento, erano forme di repressione degli animali mediante l’uso di collari ad impulsi elettrici. Un modus operando fin troppo contestabile che in un primo momento, ha indotto il titolare a chiedere lo spegnimento delle telecamere, e in un secondo a passare alla violenza.

Dopo l’accaduto sono intervenuti i carabinieri che hanno informato la Procura della Repubblica del Tribunale di Vicenza. Al momento, il 46enne non è stato denunciato ma sul posto sono presenti le forze dell’ordine per appurare i fatti e soprattutto per sequestrate gli strumenti di tortura riservati ai poveri animali del centro; strumenti che come precisiamo, sono vietati dalla legge.

Ricerca personalizzata