"Emilio Fede faceva le selezione, decideva lui"

    Ecco cosa racconta Nadia Macrì ai magistrati:
    “Ho conosciuto una persona che lavora per Lele Mora. Mi fa: “Vuoi guadagnare un po’ di soldi? Ti porto dal presidente. Guadagni, ti metti in tasca… “.“Sono andata a casa di Lele Mora, c’erano anche altre ragazze. Da lì aspettavamo l’autista per andare dal presidente”. Ma prima, avrebbero fatto una tappa “nello studio di Emilio Fede“. Spiega la testimone: “Fede è secondo me quello che decide. “Tu vai bene, tu non vai bene”. Una selezione tipo, “Tu come ti chiami, di dove sei?”. Però, poi, siamo andate via tutte”. Erano sette quella sera le ospiti in partenza per Arcore. C’era una festa a casa Berlusconi: “Ho visto Apicella. C’erano poi notai, avvocati, gente di prestigio non me li ricordo i nomi. A me interessava solo il presidente. Ero lì per lui. Dopo cena, gli altri se ne sono andati a casa. Le ragazze sono rimaste tutte insieme. Andavano con lui. Lui faceva: “Avanti la prossima, avanti la prossima””

    Ricerca personalizzata