Eurolega 2013: Siena ok, Milano si arrende nel finale

Beffa finale per l’Armani Jeans Milano che nel tardo pomeriggio cade a Kaunas contro lo Zalgiris 71 a 73. Partita intensa, ricca di pathos, che riserva emozioni fino ai secondi finali quando l’overtime sembrava cosa ormai certa. Il canestro di Dentmon riporta in vantaggio i padroni di casa a poco meno di 4 secondi dalla fine del match, dopo che Wallace , dalla linea della carità, aveva trovato i punti del pareggio tanto inseguito. La rimessa disegnata da coach Banchi non porta i risultati sperati, con Gentile che non si avvede dell’anticipo dell’avversario, sbagliando l’assist per Langford, e i lituani possono festeggiare.

Un vero peccato perché con la vittoria Milano avrebbe potuto effettuare stasera stessa, il check in con destinazione top 16 di questa Eurolega 2013, riservandosi un cammino molto più semplice e privo di eccessiva ansia in questa fase a gironi.

L’Olimpia parte bene rispondendo colpo su colpo allo Zalgiris, ma tra secondo e terzo quarto, i giocatori di Stombergas riescono ad ampliare il vantaggio portandosi sul + 10 ad inizio ultimo periodo. I canestri di Moss e Langford, aggiunti ad una buona difesa, garantiscono l’aggancio, con pronto recupero che lasciava ben sperare. Poi il finale con Dentmon in isolamento su un quarto di campo a squarciare la difesa milanese, trovando, con bacio al tabellone, il canestro della vittoria.

A nulla serve il time-out chiamato dalla panchina di Milano per disegnare la rimessa valevole per trovare il tiro del controsorpasso: per i padroni di casa 15 di Dentmon e 13 di Pocius, mentre i grandi vecchi Jankunas e Jasikevicius si fermano rispettivamente a 6 punti + 11 rimbalzi e 7 con assist. Per l’Olimpia solita enorme prova di Langford, leader assoluto alla voce punti tra i suoi in questa Eurolega 2013: 29 punti con 8/12 dalla lunetta e 6 rimbalzi. Gentile tocca gli 11 mentre Moss si ferma a 12 con 5 rimbalzi.

Siena ritrova la retta via e batte al Mandela Forum di Firenze il Bayern Monaco con il punteggio di 71 a 62. Partita sempre in controllo per gli uomini di Crespi, che scendono sul parquet determinati e concentrati, consapevoli che la posta in palio fosse molto più alta di una semplice vittoria. L’incubo di una prematura eliminazione da questa Eurolega 2013 con eventuale partenza anticipata di Hackett, risveglia il talento sopito degli uomini in maglia Montepaschi, che combattono su ogni pallone concedendo poco agli avversari.

Ottima prova in difesa, con Hunter, Ortner e Ress bravi ad arginare e limitare lo strapotere fisico di Bryant, limitato dai falli, ma comunque incisivo a rimbalzo. Prova corale di altissimo livello in attacco, con buonissimo gioco penetra e scarica che annichilisce i tedeschi: il tiro da tre punti, e le continue accelerazioni fronte a canestro sono le chiavi della vittoria, con Green particolarmente aggressivo, capace di incidere nel secondo tempo in maniera decisa.

In casa Mens Sana Hackett raggiunge i 15 punti con 10 assist, Nelson 14 con 5 rimbalzi e la tripla che sancisce il vantaggio definitivo e Green autore di 10 punti. Per i tedeschi Bryant in doppia-doppia con 12 e 11 rimbalzi, Delaney con 13 punti e Djedovic da 10. Deludono l’ex Avellino Troutman e Bryce Taylor.

[foto: it.eurosport.yahoo.com ]

Ricerca personalizzata