Expo 2015 è un’occasione per nuovi rapporti tra Italia e Africa

L’Expo 2015, che avrà inizio dal 1° maggio dal 30 ottobre 2015, è un’occasione importante per l’Italia in cui potrà mostrare le proprie potenzialità al mondo, ed è anche un’occasione unica per allacciare nuovi rapporti economici con altri Paesi che vi parteciperanno.

È soprattutto Alfredo Cestari, che è sia il presidente di ItalAfrica, sia il commissario generale per Expo 2015 per il Burundi, che sottolinea la necessità per le imprese italiane di stringere accordi con istituzioni africane, le quali fin da subito si sono mostrate propense a presentare i loro progetti economici nel settore degli investimenti, dell’agricoltura, del turismo e così via. Cestari spiega infatti a Labitalia che “è quindi una grandissima occasione a cui il nostro settore privato e le nostre istituzioni devono dare tutto l’attenzione che merita”.

Secondo Cestari affinché possa avvenire questa sperata apertura dei mercati italiani verso i Paesi africani è necessario creare il terreno giusto prima che l’Expo 2015 abbia inizio. Il progetto quindi che ItalAfrica sta portando avanti in questo periodo è quello di presentare l’Africa alle istituzioni italiane, sia del settore pubblico che privato.

Viaggiando per tutto il territorio nazionale Cestari e ItalAfrica diffondo informazioni utili per il progetto, enfatizzando in particolare la collaborazione che può nascere con determinati Paesi africani che hanno peculiarità economiche, politiche e sociali simili tra loro.

Una particolare attenzione è dedicata al Burundi che insieme a Tanzania, Ruanda, Kenya e Uganda fa parte della Comunità Economica Est Africa. Proprio martedì 5 novembre si è tenuto un incontro con i rappresentanti del governo del Burundi in cui hanno presentato le opportunità di investimento possibili nel loro territorio.

Ricerca personalizzata