Replica ironica di Facebook: nel 2021 nessuno studente a Princeton

È di pochi giorni fa la pubblicazione di uno studio effettuato da due ricercatori dell’Università di Princeton, secondo il quale Facebook avrebbe vita breve, con una riduzione degli iscritti pari all’80% nel 2017. Lo studio giunge a tale conclusione in base all’analisi delle ricerche che gli utenti effettuano tramite Google.

Naturalmente, la risposta da parte del social non è tardata ad arrivare, attraverso uno studio affidato ad alcuni dei suoi sviluppatori: Mike Develin, Lada Adamic e Sean Taylor. La “contro ricerca” di Facebook ha dimostrato, in linea con il principio scientifico “correlazione uguale nesso di causalità”, che anche la stessa Università di Princeton correrebbe il rischio di scomparire definitivamente.

Una ricerca su Google Scholar ha evidenziato una miriade di articoli scientifici e, usando come ulteriore criterio di ricerca la parola “Princeton”, il risultato si è rivelato allarmante. Dal 2009 ad oggi tale termine è stato cercato sempre meno volte, evidenziando un drastico calo. Naturalmente Princeton, essendo uno dei più importanti istituti d’istruzione superiore, avrà vita lunga finchè ci saranno studenti ma, sempre dall’analisi dei dati di Google Trends la tendenza è che nel 2018 l’università avrà solo la metà del numero attuale degli iscritti mentre nel 2021 non ne avrà addirittura più nessuno. Ipotesi abbastanza irrealistica, trattandosi di una delle università più prestigiose al mondo.

Davelin e i suoi colleghi, con simpatia e ironia, paragonano la fine di Princeton al destino del nostro pianeta visto che dallo stesso tipo di studio risulta che l’aria si esaurirà nel 2060. Paradosso usato per indicare che questo tipo di ricerca non ha alcuna base concreta.

Secondo lo staff di Facebook, lo studio di Princeton non è da considerare attendibile e, pur guardando con simpatia alla storica università, bisogna senza alcun dubbio concludere che alcuni tipi di ricerche non possono far altro che giungere a risultati a dir poco stravaganti.

Ricerca personalizzata