Fedez e J-Ax fondano insieme un’etichetta discografica

Io e J-Ax stiamo per cambiare le regole della discografia indipendente, per davvero! Preparatevi… #Newtopia #iscoming”. Con questo tweet Fedez ha annunciato che lui e l’ex Articolo 31, si stanno per lanciare nel mondo discografico. Ad approfondire a fondo l’universo Fedez ci ha pensato “2Next“, programma di seconda serata di RaiDue, condotto da Annalisa Bruchi. Nella trasmissione é intervenuto anche J-Ax, che insieme a Fedez, al secolo Federico Leonardo Lucia, ha fondato nel dicembre 2013 “Newtopia”, la nuova etichetta discografica per giovani talenti.

Fedez, del cui successo abbiamo già parlato in precendenza , a dispetto della sua giovane età (ha 24 anni), può già essere considerato un “fenomeno economico“. Ha le idee chiare e dall’alto dei suoi numeri, soprattutto su social e new media, può davvero pensare in grande. Il rapper ha totalizzato 27 milioni di visualizzazioni in sei mesi su Youtube, affermando che: “Io penso di essere un grande sintomo per la discografia italiana in questo momento. Cigno nero é un pezzo che inizialmente non é passato in radio e nei mezzi di informazione. Non ero appetibile, non c’era un’attenzione mediatica verso di me. Io sono andato in televisione dopo il mio successo, sono un caso opposto. Ho fatto le mie apparizioni a livello promozionale quando ero già famoso. E’ stato un bel caso, un successo che parte dal web. Non lo dico per elogiarmi, é una grande opportunità per i giovani”.

Nel comunicato in cui si annuncia la fondazione di Newtopia, pubblicato su Facebook, J-Ax ha aggiunto: “Noi siamo giovani ribelli in Italia, con comportamento opposto a quello della maggioranza: vogliamo creare lavoro, vogliamo pagare le tasse. Investiremo le nostre energie qui, non all’estero. Non aspetteremo che ci dicano quando essere ottimisti. Il momento di cambiare le cose è adesso. La differenza tra noi e le altre etichette? Cuore e soldi, ci metteremo i nostri”.
Fedez- J-Ax

J-Ax ha spiegato come é avvenuta la nascita del progetto insieme a Fedez, dichiarando che: “Oggi la casa discografica propone l’artista medio, tu fai il video, tu fai il demo e se ci sono guadagni li prendiamo insieme. Allora quello che io e Federico abbiamo fatto é metterci i soldi in tasca e finanziarci noi indipendentemente. Il che non significa che non lavoreremo con delle major. Andiamo controtendenza rispetto ai nostri amici, quelli che hanno un po’ di successo. Ultimamente mi dicono di aprire ditte individuali in Svizzera. Quello che invece noi vogliamo fare è il contrario di lamentarsi. Non vogliamo prendere e portare via. Vogliamo creare lavoro e credere in noi stessi. Vediamo se soffiando nella vela arriva un po’ di vento. Siamo dei self made men. Io i soldi li ho sempre fatti con la musica, pagando regolarmente le tasse, e li ho investiti in una realtà italiana”.

Assisteremo a molti cambiamenti all’interno del panorama discografico italiano, almeno per quanto riguarda il rap: dopo vent’anni di proficua collaborazione, J-Ax ha deciso di lasciare, in termini molto amichevoli, la sua storica etichetta Best Sound, la stessa con cui aveva debuttato con gli Articolo 31 e che aveva seguito anche la sua carriera solista. Il cambio di scuderia pare essere solo sulla carta per entrambi gli artisti (anche Fedez era co-prodotto dalla Best Sound per il suo ultimo album). Poiché la separazione é stata consensuale, e partendo dal presupposto che entrambi gli artisti provengono dalla stessa etichetta, é probabile che la Newtopia sarà una sorta di sussidiaria della Best Sound.

La Netwopia di Fedez e J-Ax é, intanto, a caccia di nuovi talenti: “Ci sono artisti che hanno potenzialità di vendita, altri di cantautori. Stiamo cercando”.

Ricerca personalizzata