Follettina Creation choc: “Mio marito accusato di pedofilia, ha rischiato la galera”

Follettina Creation
Follettina Creation

Follettina Creation è un personaggio di YouTube che ha fatto della genuinità il suo punto di forza. E’ un personaggio a cui il pubblico del web si è molto affezionato e che anche coloro i quali non frequentano Internet hanno imparato a conoscere grazie all’ospitata della youtuber nel salotto di Barbara D’Urso. In pochi però sanno che Maria Grazia (questo il suo vero nome) ha attraversato un periodo davvero complicato quando, una sua ex amica, evidentemente nel tentativo di rovinarle la vita, ha cominciato a diffondere la voce che il marito di Follettina fosse un pedofilo.

Come ha spiegato Gianmarco Zagato, che su questa questione ci ha creato un vero e proprio reportage, su YouTube esisterebbe una specie di setta composta da youtubers che sarebbero pronti a tutto pur di vendicarsi contro chi, di sua spontanea volontà, dovesse decidere di lasciare il loro gruppo. “Su YouTube esisterebbe una setta e Follettina ne faceva parte. Questo gruppo, composto per lo più da youtubers, passa il tempo a fare delle live per distruggere la vita delle persone e Follettina, decidendo di uscirne, ne ha appunto pagato le conseguenze”.

Un’ex amica di Follettina faceva parte della setta in questione. Non appena Follettina avrebbe deciso di abbandonarla, questa donna, rispondendo alle “regole del gruppo”, avrebbe iniziato a divulgare su Internet il suo numero privato e avrebbe persino messo in giro la voce che il marito la tradiva con una bambina. Una notizia assolutamente falsa, creata ad arte col preciso scopo di distruggere la reputazione di Follettina sia nel privato che nel pubblico.

Follettina stessa ha raccontato: “Questa mia amica raccontava in giro che mio marito mi picchiava e che andava con le minorenni. Questo perché mio marito un giorno è rientrato in casa proprio mentre giravo una video ricetta, e con lui c’era una ragazzina. Questa ragazzina è molto affezionata a mio marito, lo chiama papi e ogni tanto viene da noi a prendersi un caffè. Loro quel giorno parlavano a bassa voce perché sapevano che stavo registrando uno dei miei video e la mia casa è piccolissima, per cui non potevano certo andarsene chissà dove. Per questa storia mio marito ha rischiato la galera”.

Ricerca personalizzata