Formula 1, Hamilton eguaglia Shumacher

Ungheria – Non se lo aspettava lui né tantomeno la scuderia Mercedes Formula 1 di vincere il gran premio ungherese. Saltati i test collettivi delle gomme Pirelli effettuato a Silvestone settimana scorsa, Hamilton e l’armata tedesca sono arrivati sul caldissimo circuito vicino Budapest con gomme mai viste prima e senza dati.
Dopo un venerdì disastroso, Hamilton ha conquistato la pole position ieri (sabato) e una delle sue vittorie più importanti la domenica infatti l’inglese dichiara: “Non abbiamo provato nei test, eravamo indietro quando siamo arrivati qui, non ci aspettavamo di essere in pole e ne siamo rimasti sorpresi” ha dichiarato Hamilton dopo la gara. “Penso sia probabilmente una delle vittorie più importanti della mia carriera. Arrivare in un nuovo team e vincere con Mercedes-Benz è un grande privilegio, i ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico. E’ una sensazione incredibile e il team ha fatto un lavoro incredibile. Abbiamo studiato molto ieri sera, sperando che le gomme funzionassero per noi. Non avevo idea che sarebbe andata bene, negli ultimi 20 minuti ho gestito le gomme e la gara. Penso si possa dire che ero affamato oggi. Dovevo passare più piloti possibili, di solito resto bloccato ma non oggi, ho provato ogni sorpasso possibile. Dobbiamo lavorare ancora duramente, non si sa mai come andranno le gomme altrove. Se siamo riusciti a farle durare oggi, dovremmo essere in grado di farlo ovunque”.

Deluso Vettel su Red Bull che partiva dalla seconda posizione, il tedesco gli ultimi due giri si è scatenato alle spalle di “iceman” Raikkonen ma senza riuscire nel sorpasso. Termina sul gradino più basso del podio preceduto proprio dal finlandese su Lotus-Renault autore di una ottima condotta gara e di una strategia su due soste.

Male le Ferrari o forse meglio citare solo Alonso, lo spagnolo quinto al traguardo non è stato mai della partita o in bagarre con i migliori, graziato anche da una penalizzazione inflitta a Grosjean che lo precedeva.

Il mondiale inizia a diventare un’utopia se le cose vanno così in Ferrari; con una macchina non all’altezza delle prime, un solo pilota in squadra e una Mercedes che sembra ormai essere forte fino al termine della gara per Fernando il campionato è in salita scavalcato anche da Raikkonen in classifica e 39 punti da Vettel. Inizia la pausa estiva ma ci avviciniamo a due gare fondamentali per il mondiale, Spa e Monza. Ultima spiaggia per Fernando che da rumors indiscreti pare sia in ottica Red Bull per il 2014 non contento di come vanno le cose in casa del Cavallino.

Inizia la calda estate dei sedili bollenti, buone vacanze da BlogLive.

Ricerca personalizzata