Forti emozioni a Sanremo 2014 con Marco Mengoni che canta Endrigo

Marco Mengoni entra immediatamente appena comincia la diretta televisiva, elegantissimo in un abito nero dal gusto spagnoleggiante. Si guarda intorno come per riportare alla memoria i ricordi della precedente edizione del Festival che ha battezzato nel migliore dei modi il suo ultimo progetto artistico decretandolo vincitore con L’Essenziale, uscita proprio in questi giorni con la sua versione spagnola Incomparable.

Poi silenzio in sala, Mengoni si avvicina al suo microfono, i respiri sembrano sospesi e comincia una particolarissima magia. Marco comincia a cantare, quasi sussurrando, e il pubblico resta incantato già dalle prime note. Ma già al primo ritornello la platea dell’Ariston non può più trattenere l’emozione e parte un applauso spontaneo, mentre da casa ci si commuove davanti ai teleschermi. Mengoni sorride mentre continua ad intonare quelle dolcissime parole scritte da Sergio Endrigo, uno dei nostri più grandi cantautori, e la tensione che lo stesso cantante aveva condiviso con i suoi fan con un tweet poche ore prima dell’esibizione si scioglie e viene fuori il Mengoni migliore. L’artista sul palco è tecnicamente perfetto ma in più mette così tanto cuore nelle sue interpretazioni da non fa mai rimpiangere l’interpretazione originale. Il brano scorre, semplice e sentito, ed esalta una voce davvero unica nel panorama italiano concludendosi con il caloroso applauso del pubblico.

Marco Mengoni ha aperto così davvero in grande stile la quarta serata del Festival di Sanremo tornando sul palco del Teatro Ariston non più come concorrente ma con tutti gli onori riservati agli ospiti speciali nella serata altrettanto speciale dedicata al Club Tenco. Già nel 2013 il giovane cantautore, che si presentava tra i campioni in gara, durante la quarta serata sanremese, interpretò Ciao amore ciao in omaggio a Luigi Tenco, emozionando il pubblico ed emozionandosi a sua volta con un’esibizione che è rimasta memorabile e che è stata molto apprezzata anche dalla famiglia Tenco. Ed è proprio la famiglia Tenco che Mengoni ha voluto ringraziare ancora una volta al termine dell’esibizione di questa sera.

Il giovane cantautore si è misurato stavolta con Sergio Endrigo, un artista annoverato fra i più importanti cantautori italiani, definito da Mengoni stesso il poeta dell’amore. Dopo un anno di incredibili successi Mengoni ha sentito la grande responsabilità nello scegliere un pezzo storico di grande valore emozionale e nel presentarlo in un modo almeno equiparabile all’incredibile interpretazione che di Ciao amore ciao che fece lo scorso anno. In tanti lo aspettavano al varco alla ricerca della dimostrazione (se ancora ce ne fosse bisogno) delle sue capacità artistiche, soprattutto in un’esibizione live, ed è stata davvero una straordinaria conferma e che in pochi minuti ha travolto tutti i presenti in un dolce turbine di emozioni.

Fabio Fazio e lo staff della Rai hanno avuto fiuto nel non voler rinunciare ad avere come ospite il cantante di Ronciglione: giovane, cantautore, grande interprete e 100% italiano, Mengoni è davvero l’ospite perfetto per Sanremo. L’onore dell’apertura delle serate sanremesi in questa edizione, lo ricordiamo, era stato di Ligabue nella serata inaugurale, delle gemelle Kessler nella seconda serata e del Maestro Diego Matheuz nella terza. E in questa quarta serata è toccato a Marco Mengoni che non se lo è fatto ripetere due volte di accettare l’invito ed omaggiare così il Festival che un anno fa battezzò il nuovo progetto artistico #Prontoacorrere nel miglior modo possibile.

La vittoria a Sanremo 2013 è stata, infatti, per Mengoni il preludio alle ben oltre 21milioni di visualizzazioni su Youtube per L’Essenziale, un tour teatrale da 100.000 presenze e 40 date sold out, 11 dischi multiplatino, Best European Act agli MTV Europe Music Awards, 5 Wind Music Awards, 7° posto all’Eurovision Song Contest 2013 in rappresentanza dell’Italia. Così tanti successi raccolti da questo disco che a 48 settimane dalla pubblicazione del repack #PRONTOACORREREILVIAGGIO è ancora nella top ten dei dischi più venduti in Italia. La presenza di Marco Mengoni a Sanremo 2014 può essere considerata come l’anteprima in eurovisione della promozione internazionale di Incomparable, la reinterpretazione in lingua spagnola de L’Essenziale, che sta ottenendo davvero notevoli (ma non inaspettati!) consensi anche al di là dei nostri confini. Questa performance è stata anche un passaggio di testimone di Mengoni il giorno prima che venga annunciato il futuro vincitore di questa edizione del Festival.

A soli venticinque anni, Mengoni è già un artista compiuto e al contempo in miglioramento continuo, pronto ad aggredire il mercato musicale estero ed in questo molto ben supportato da un nuovo Staff, attento e lungimirante, come anche dal suo ormai famigerato Esercito che stasera ha portato in tendenza Twitter (a livello internazionale ovviamente!) l’hashtag #MengoniOspiteSpecialeSanremo2014 dedicato al loro artista preferito e a questa serata speciale.

Al pubblico sanremese resta una nuova incredibile interpretazione di uno dei brani più semplici e più belli tra quelli italiani dedicati al sentimento amoroso. Aggiungiamo adesso tra le infinite interpretazioni di Io che amo solo te dell’indimenticato Sergio Endrigo, accanto a quelle già notissime, anche questa di Marco Mengoni, un’altra perla preziosa che il cantautore ha regalato stasera alla musica italiana, di forte impatto emozionale, in eurovisione.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Fit–eD88Bo[/youtube]

Ricerca personalizzata